Posted in: Esperienze, Formazione, Informatica, Tutti gli articoli

Un esempio di informatica “processata”

cervello

Nel mio giro per le scuole ( corsi di formazione, consulenza…) ho la possibilità di verificare lo stato dell’informatica: laboratori poco utilizzati, L.I.M. utilizzate esclusivamente per proiezione di filmati, video…  e in qualche caso sistemate in aule diverse da quelle che accolgono ogni mattina gli alunni. In questi contesti i lavori informatici, quando sono presenti, risultano una versione informatica della scrittura a mano.  Fortunatamente incontro anche altre realtà più vive e sicuramente più stimolanti, nelle quali l’informatica è parte integrante e direi indispensabile del curricolo d’Istituto.  È un informatica che contribuisce in modo significativo ad esempio alla formazione del pensiero multimediale, ipertestuale e a un metodo di studio soprattutto nella  ricerca, selezione e personalizzazione dei contenuti trovati nel Web. E’ un’informatica “processata”, grazie alla quale lo studente riflette, individua  soluzioni, verifica la coerenza del prodotto rispetto alla consegna… Bene, quest’anno con gli alunni delle seconde ( primaria- Istituto “Carlo Levi”) ho avviato un percorso di informatica “processata”. In pratica i bambini hanno lavorato alla realizzazione di un Diario di bordo ( breve verbalizzazione di eventi  momenti  )  utilizzando un programma di videoscrittura e Paint. La particolarità del lavoro è che quando inserivano un testo, dovevano rispettare il criterio del contrasto cromatico tra sfondo e la WordArt ( v. immagine 1 ). Stesso discorso per lo scritto colorato ( v. immagine 2 ). Spesso i lavori venivano valutati collettivamente. In questo modo il lavoro della singola coppia, assumeva  una valenza collettiva. La discussione ha abituato i bambini ad esprimere il proprio pensiero, argomentandolo.
immagine esempio 1immagini esempio