Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Un paese povero di competenze anche digitali

didattica_per_competenze
E’ ben noto agli specialisti che i ” nativi digitali” non sono competenti informatici. Lo sono meno gli “immigrati digitali” che grazie alla conoscenza di limitate procedure sono visibili sui social… Nell’ intervento linkato sotto, queste incompetenze informatiche  sono inquadrate nel più complesso problema del basso tasso di laureati e nell’anafabetismo di ritorno di molti laureati ” hanno difficoltà nell’integrare, interpretare o sintetizzare le informazioni contenute in testi complessi o lunghi, nonché nel valutare la fondatezza di affermazioni o argomentazioni a partire da indizi sottili”
Aggiungo: solo quasi il 40% della popolazione ( 25-64 anni ) legge ogni giorno un quotidiano e  il 42% ha letto un libro negli ultimi 12 mesi …
Interessante a conclusione dell’articolo la sintetica presentazione della causa di questa debacle culturale
“L’antropologo Tullio Altan, ad esempio, è un convinto sostenitore del fatto che le tare della società italiana abbiano la loro spiegazione nel perdurare di una mentalità che ha origini lontane, di secoli;  e pertanto chiarisce il rapporto che passa tra mentalità e altri aspetti della vita collettiva e denuncia lo scarso impegno degli studiosi italiani nell’esaminare questi problemi. E il declino pare cominciare nel ‘700. In altre parole, dopo essersi lungamente imposta come un modello di civiltà, nel’700 l’Italia cominciò ad importare idee: il rapporto con le altre aree europee si era completamente rovesciato.”
Ovviamente le cause sono anche altre: la scarsa importanza dato al valore “cultura”, dove si va avanti spesso per conoscenze e non per competenze; lo smarrimento del “futurio” divenuto una categoria insignificante e vuota…
Intervento