Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Una sentenza inquietante per le classi pollaio e superpollaio

sentenza1
Nel mio navigare tra le notizie nel Web, mi sono “imbattuto” in un pronunciamento inquietante della suprema Corte di Cassazione ( sentenza 23202/2015 ) .  Brevemente i fatti ( ho riletto più volte la sentenza scritta in un linguaggio tecnico e con struttura sintattica non sempre favorevole alla leggibilità ): un bambino si procurava la frattura del coccige a seguito della sottrazione della sedia da parte di una compagna. Il fatto avveniva in assenza dell’insegnante, ma in presenza del bidello. La Suprema  Corte conferma la natura repentina  dell’evento, e quindi l’impossibilità per l’insegnante di “anticipare l’evento” ( mia definizione ), in quanto “mai in precedenza verificatosi” ( pag 6 Sentenza ). Invece mette in risalto che le condizioni per la sua  imprevedibilità  sussistono tutte, in quanto nel caso specifico mancavano una serie di accorgimenti organizzativi per mantenere la disciplina e l’ordine. La sentenza getta   un’ombra inquietante su tutte quelle condizioni organizzative complesse quali le classi pollaio ( D.L. 133/2008 )    e quelle super-pollaio ( Legge di Stabilità 190/2014 ).  Quest’ultime sono un bel regalino del Presidente Renzi  che impedisce  di nominare supplenti per il primo giorno di assenza del titolare e quindi  obbliga il Dirigente Scolastico a “distribuire” gli alunni nelle classi presenti ( pensiamo cosa potrà succedere nei prossimi mesi, quando il tasso di assenza degli insegnanti aumenterà causa influenza ). Ci troveremo a dover gestire situazioni organizzative difficili e in alcuni casi difficilissime ( 35 e forse più ), in rapporto anche alla cubatura della classe. Rischieremo  di essere denunciati , in caso d’infortuni agli studenti , per non aver  ridotto al massimo l’imprevedibilità dell’evento con un’adeguata predisposizione delle sedie, dei banchi, degli zaini e degli spazi… Temo che neanche l’ordine di servizio possa cautelarci per nostre sviste organizzative. Quindi cosa fare? Il dibattito è aperto, prima che arrivino i primi sintomi influenzali.