Unicef, la prospettiva “alta” del rapporto tra l’infanzia e il digitale

Unicef, condizione del'infanzia

Un rapporto “alto”, planetario da leggere assolutamente


Unicef, “La condizione dell’infanzia nel mondo 2017”. Un documento “alto”, quindi molto interessante. Una fotografia “planetaria” dei nostri ragazzi nel rapporto con il digitale. Molte conferme, ma altrettanti nuovi elementi sui quali riflettere.

Unicef, una prospettiva “alta” dell’infanzia

Scriveva F. Hegel ” Non fermarti ad osservare l’albero! Studia la foresta”
Il documento dell’Unicef  rappresenta un esempio di lettura “verticale” (profonda) e “orizzontale”(planetaria). Il dettaglio e l’approfondimento è dato dalle centocinquantanove pagine del rapporto. Il carattere globale permette di uscire dai nostri confini nazionali e nello stesso tempo non ci consegna un profilo frammentato dell’infanzia.  Il valore aggiunto del rapporto consiste nell’attenzione alle specificità continentali e nazionali, senza perdere di vista la dimensione globale del profilo dell’infanzia   E’ risaputo che il digitale ha ridotto le distanze culturali tra le popolazioni. Qualcuno ha definito questo parziale annullamento  di identità come un processo di omologazione, quasi sempre di tipo occidentale, anglosassone. favorito anche dalla lingua inglese che caratterizza il mondo informatico.
Chi si accosta al documento con i criteri dell’utilitarismo pratico, immediato rischia di rimanere deluso. E’ un esempio di approfondimento disinteressato.

“Sbirciate” sul documento

Detto questo il titolo definisce la condizione attuale dell’infanzia: “Figli del digitale“. In altri termini i nostri figli hanno sperimentato una seconda nascita, grazie all’uso spesso isolato del dispositivo dove pur connessi per molte ore si è separati, lontani.
Il documento certifica il carattere autodidatta, orizzontale della formazione digitale. Infatti, alla domanda “come hai imparato ad utilizzare internet”? Il 42% ha risposto di aver imparato da solo. Il 39% ha risposto di aver imparato da amici o fratelli – prevalentemente tra i giovani che vivono in paesi a basso reddito”…  Ho imparato a codificare grazie a YouTube. Ho visto così tanti video sulla codifica che ho finito per imparare“. Ragazza, 17 anni, Bangladesh..
Il rapporto conferma la presenza di molte aree nel mondo dove l’infanzia non ha a disposizione adeguati e aggiornati dispositivi. E quando questi sono presenti si riscontra  una  fragilità del segnale di accesso al Web (nel continente africano 3/5 sono offline)
il Web  percepito come   un immenso database di informazioni, risorse e altro ancora. Buona la percezione dei rischi ( cyberbullismo, addescamento sessuale, furti d’identità…). Il documento indica alcune soluzioni ai suddetti problemi. Molte di queste sono conosciute e praticate da chi lavora in “queste trincee”
A questo punto auguro una buona lettura. Ne vale la pena!

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo, Formazione, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.