17 Febbraio 2021

Varianti Covid-19. Una sentenza del Consiglio di Stato

By Gianfranco
Varianti Covid-19

Varianti Covid-19, il Consiglio di Stato conferma che la salute è il diritto più importante

Varianti Covid-19 è il tema del giorno e coinvolge più direttamente gli alunni. Un’importante sentenza del Consiglio di stato conferma che la salute è il diritto fondamentale, superiore a tutto.

Varianti Covid-19, preoccupano soprattutto le scuole

Varianti Covid-19 preoccupano soprattutto le scuole. Pare che una di esse (inglese) esponga maggiormente gli alunni. Finora essi erano stati ignorati dal Covid-19 di origine cinese. Ora però cambia tutto. E’ necessario ribadire che il diritto alla salute, sancito dall’art.32 della Costituzione venga confermato come il nuovo fondamento e coronamento del nostro Paese, aggiornando con decisioni anche formali la prevalenza sul diritto al lavoro (art.1 della nostra Carta fondamentale).
In tal senso è di buon auspicio la sentenza del Consiglio di Stato, riportata dal quotidiano economico ItaliaOggi (16 febbraio), dove appunto si ribadisce che davanti al rischio sanitario qualunque richiesta o diritto deve cedere il passo.
Si legge: ” La chiusura dei nidi e delle scuole dell’infanzia in Umbria è legittima. L’aumento dei rischi di contagio da Covid-19, determinata dalle varianti del virus (inglese e brasiliana) che non risparmia nemmeno i bambini, legittima, infatti, le misure restrittive adottate dalla regione Umbria fino al 21 febbraio. Lo ha stabilito il presidente della terza sezione del Consiglio di stato con un decreto pubblicato il 15 febbraio scorso (749/2021).
Il giudice monocratico ha accolto il ricorso presentato dalla regione Umbria contro un decreto del presidente del Tar della stessa regione, che aveva dato ragione alla madre di un alunno di scuola dell’infanzia. La donna aveva lamentato che la chiusura disposta dalla governatrice, Donatella Tesei, le avrebbe cagionato un danno in riferimento alla impossibilità di recarsi al lavoro per prendersi cura del proprio figlio. E in più aveva fatto presente che anche nelle zone rosse la normativa generale non prevede la chiusura dei nidi e delle scuole dell’infanzia.
Una buona notizia!