Vendite giornali. Siamo messi male!


In una democrazia un ruolo strategico è ricoperto dai giornali. A questi occorre affiancare la “grande maestra” rappresentata dalla televisione e ultimo, non per importanza dal Web.
Bene, dai dati rilevati dal DataMediaHub ( un hub sui media italiani e sul giornalismo) per i giornali è crisi. Complessivamente le testate giornalistiche  perdono un 10% (comprese le vendite nella forma digitale) rispetto al primo quadrimestre del 2016. Nel particolare le diminuzioni più vistose sono per le quattro testate giornalistiche più diffuse ( Il Corriere della Sera, La Repubblica, Il Sole 24 ore, La Stampa). In questa “Caporetto” emerge il dato con segno + del “Il Fatto Quotidiano”.
Occorre che gli attori coinvolti facciano una serie riflessione, chiedendosi i motivi di questa debacle. La crisi?  Omologazione dell’informazione? Concorrenza delle diverse rassegne stampa online? Disinteresse? Altro?
E’ necessario che essi ripartano, interpretando correttamente i dati.  Ne vale della loro sopravvivenza. Diversamente l’informazione confermerà la sua desatellizzazione dai giornali, “scorrendo” verso altri canali, sicuramente più aggiornati, ma nello stesso tempo soggetti a diverse criticità ( ad esempio le fake).

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.