Posted in: Contratto scuola

Vertenza contrattuale, la scuola non ascoltata!

Vertenza contrattuale
Vertenza contrattuale. La scuola non è ascoltata, Messa la margine!

. Confermata la frattura tra la scuola e dall’altra parte la politica e i sindacati.
Quest’ultimi sembrano propensi a firmare il contratto più irriguardoso  per i docenti che io ricordi. Quello che lo rende irricevibile sono anche gli otto anni di “vacche magre”.
Difficile immaginare le conseguenze di una firma. A chi giova una scuola con insegnanti penalizzati e demotivati?

Vertenza contrattuale, ha già “i suoi binari”

La vertenza contrattuale rischia di diventare una semplice ratifica di decisioni già prese. Il 30 novembre 2016 Governo e sindacati Confederali e  hanno firmato un’intesa contrattuale assolutamente irricevibile per gli operatori della scuola.
Tutti conosciamo i dettagli. Il passaggio  più significativo è il seguente: ” Il Governo, confermando la vigenza contrattuale nel triennio 2016-2018, si impegna a riconoscere le attuali risorse previste nella legge di bilancio per il 2017, aggiuntive a quelle per il 2016, utilizzandone la quota prevalente per il rinnovo dei contratti. Il Governo garantisce…incrementi contrattuali in linea a quelli riconosciuti mediamente per i lavoratori privati e comunque non inferiori a 85€ mensili medi
Da questa linea il governo non si è mai discostato. Per il sindacato confederale si è progressivamente trasformata in una gabbia, dalla quale stenta ad uscire. Probabilmente immaginava un impegno più semplice. Questo richiedeva un corpo docente remissivo e docile al “verbo sindacale”. La storia di questi dodici mesi ha invece dimostrato una scuola viva, reattiva e propositiva. Purtroppo non ascoltata, non tenuta in considerazione. Pessimo segnale!

Le proposte esistono

Di proposte la scuola ne ha fatte diverse. Cito ad esempio quella del gruppo “Professione Insegnante” che invito a sottoscrivere e che al momento viaggia verso le 100.000 firme. La cifra proposta è di 200 €  ” a invarianza di oneri contrattuali, per incrementare il potere d’acquisto delle nostre retribuzioni ferme ormai dal 2008, con una perdita netta di 135 euro netti mensili, calcolando solo il dato dovuto alla perdita di potere d’acquisto”
Stessa cifra è proposta dal sindacato Anief .  Recentemente E. Serafini ha dichiarato :” Non è accettabile la ventilata proposta degli 85 euro soprattutto in considerazione della lunga vacanza contrattuale.
A queste occorre aggiungere i tanti post presenti nei media sociali che sembrano ignorati ai piani alti.  
Sento già i rilievi: “Non ci sono i soldi”! Ho già risposto all’obiezione con questo articolo .

L’attuale condizione, la pessima prospettiva

Intuibile la condizione di solitudine nella quale si trovano i confederali. Dalle dichiarazione traspare il disagio, la difficoltà di una trattattiva divenuta difficile, complessa. Il risultato: è lo stallo! L’assoluta mancanza di decisioni! Nonostante la presenza di questioni che richiedono un accordo. Ad esempio la creazione di funzioni alternative all’insegnamento per chi è prossimo alla pensione. Ne ho già parlato in un mio articolo.
La vertenza contrattuale si concluderà con la sottoscrizione di un accordo poco dignitoso. sarà interessante conoscere i firmatari! Comunque l’atto comporterà delle conseguenze. Attualmente non immaginabili. Sicuramente però aumenterà il grado di demotivazione e di scoramento. “Cui prodest” una scuola poco appassionata? Difficile dirlo!