Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Violenza sugli insegnanti (3), Il Miur parte civile…

Violenza sugli insegnanti
Interessante Iniziativa dell’AND ! E il Miur tace…

Violenza sugli insegnanti, tante parole e denunce. Finalmente un’azione concreta dell’AND ( Associazione Nazionale Docenti). Dispiace e preoccupa l’inazione del Miur. Eppure, oltre l’azione legale ci sono altre azioni da intraprendere. Miur “se ci sei, batti un  colpo!”

Violenza sugli insegnanti, finalmente un atto concreto

Finora l’amministrazione e la parte politica si sono limitati a rispettare il protocollo: comunicati   e telefonate di solidarietà. Punto.
L’AND va oltre, offrendo un aiuto più concreto. Si legge“Il continuo ripetersi di gravi atti di violenza nei confronti dei docenti, espressione di un diffuso malessere sociale che appare trovare nella scuola il luogo privilegiato di sfogo, denota una situazione preoccupante e allarmante…intende costituirsi parte civile nei procedimenti penali di prossima instaurazione, a difesa degli interessi dell’intera categoria, per affermarne e reintegrarne la dignità professionale e avvierà azioni legali autonome contro ogni forma di attacco che possa riguardare anche singoli docenti e i cui effetti si riverberino su tutta la categoria.”

Un compito del Miur

Bella iniziativa! L’insegnante si sentirà meno solo nell’affermazione della propria dignità umana e professionale.
Chiedo: il compito di difendere i propri sipendenti non spetterebbe al Miur? E’ così difficile pensare che una pacca sulla spalla o una stretta di mano, non risolvono nulla! Dopo il momento di gloria, rimarrebbe l’azione personale (= solitudine) dell’insegnante nella presentazione della denuncia e nell’attivazione degli adempimenti per il processo civile e penale…

Altre proposte

Pertanto il Miur dovrebeb costituirsi parte civile, afianco del suo dipendente. A questo aggiungo:
1) assicurazione sanitaria e civile a tutti gli insegnanti, soprattutto a quelli che operano in contesti difficili;
2) attribuzione d’ufficio di x anni ai fini pensionistici. Il numero di anni dipende dalla gravità del danno subìto, da formalizzare in una tabella ministeriale.
Ritengo più concrete queste proposte. Senza dimenticare   il sostegno amministrativo  nella causa civile. Quest’ultima favorirebbe le denunce degli insegnanti, che ricordo sono dei pubblici ufficiali!