Posted in: Formazione, Tutti gli articoli

Violenza sull’insegnante, un esempio di debacle educativa

Violenza sull'insegnante
Violenza sull’insegnante, la resa educativa degli adulti

Violenza sull’insegnante, ormai conosciamo i fatti. Lo sconcerto nasce dalla reazione degli adulti, compresa la vittima. E’ confermato il nuovo paradigma educativo: sono ragazzi inclini alla bravata, quindi… Poveri noi! Anzi, povera Italia!

Il fatto

Violenza sull’insegnante ad Alessandria.  immobilizzata alla sedia, con il nastro adesivo. E’ stata presa a calci, insultata e presa in giro. Tutto ripreso con lo smartphone e postato su Instagram

La reazione degli adulti, ovvero La loro ritirata educativa

Di fronte a questo fatto che oggettivamente fotografa una violenza verso un adulto la reazione dei “grandi ” e a dir poco sconcertante.
Iniziamo dalla vittima. Ha dichiarato ” Si sono scusati, è stato un episodio di goliardia. Alcuni di loro sono studenti bravissimi, si sa che nel biennio sono un po’ così. La punizione l’hanno avuta”.
I genitori. “La prof è stata derisa e offesa, ma non legata… Vittime questa volta sono i ragazzi, che si sono visti descrivere come delinquenti e sono stati ingiustamente demonizzati. È vero, hanno mancato di rispetto a una insegnante deridendola e non ascoltando le sue richieste, così come è vero che è intervenuto un ragazzo più grande a riportare ordine, ma è falso e infamante che la docente sia stata legata su una sedia. e che la stessa sedia sia stata presa a calci e pugni. Così come è falso che i filmati siano stati pubblicati sui social”.
Il preside “I ragazzi –  sono stati puniti e hanno compreso il loro comportamento non corretto”

Ragazzi “protetti”, deresponsabilizzati. Povera Italia!

Ho evidenziato con il grassetto le parti più preoccupanti.
Le dichiarazioni confermano una tendenza: “proteggere” i ragazzi, separandoli dalle loro responsabilità; “proteggerli” dalla vita, sostituendosi ad essi; “proteggerli” dai loro atti, ritenendoli ancora “incapaci di intendere e volere”; “proteggerli” dalla prospettiva educativa, che si declina nella  “presa in carico senza scusanti delle conseguenze” per scelte  errate.
Non si diviene adulti se i nostri comportamenti non prevedono un’ assunzione di responsabilità, che può essere “anticipata” attraverso un’adeguata riflessione. Capacità oggi divenuta straniera! Espulsa dal nuovo mantra della fretta, della velocità, dell’azione impulsiva che quasi mai sono precedute dal pensiero profondo che porta ad immaginare il futuro! E senza questo piano inclinato “al non ancora”, l’unica meta certa è l’assenza della pedagogia, sostituita dal Nulla.