Posted in: Cyberbullismo

WhatsApp, i nostri ragazzi e i nostri bambini

WhatsApp sempre più giovane
WhatsApp, sempre più isolati e soli di fronte ai potenziali rischi


WhasApp è un’applicazione di messaggistica gratuita disponibile per Android e altri smartphone. E’  una delle applicazioni più utilizzate dai nostri ragazzi e bambini. Quali sono i suoi usi? Cosa fare?

La rapida diffusione di WhatsApp

WhatsApp ha raggiunto numeri impressionanti. Si legge sulla “Stampa tecnologia”  ”  gli utenti si scambiano 55 miliardi di messaggi. Le foto condivise quotidianamente sono 4,5 miliardi; 1 miliardo i video. Ad utilizzare gli Status, cioè la funzione che consente di condividere foto e video per 24 ore prima che si auto-cancellino, sono 250milioni di persone al giorno. L’applicazione supporta al momento 60 lingue.
Tra i ragazzi l’applicazione coinvolge una percentuale molto alta. Esattamente l’86%. Distanziati Facebook (74%) e Instagram (54%).

Cosa fanno? Cosa cercano?

Secondo l’ultimo numero della Rivista “Computer Idea” (Sprea Editore) i nostri figli:
“1) Chattano in gruppi, che talvolta diventano talmente grandi da contare 50 o 60 persone, sconosciuti compresi.
2) Si scambiano foto e video buffi, ma anche immagini di nudo.
3) diffondono catene di Sant’Antonio, comprese quelle che contengono link relativi e tentativi di phising e truffe.
4) Possono essere vittime di bullismo o diventare bulli.
5) Cercano di conquistare partner dell’altro sesso, compresi ragazzi e ragazze che non conoscono direttamente”

Cosa fare come genitori?

Ho evidenziato in grassetto i rischi. Tutto questo avviene, spesso in assenza dei genitori, dai quali hanno ricevuto il “coltellino svizzero” (smartphone), senza essere stati adeguatamente informati e istruiti sui rischi presenti nel Web. Responsabilità che aumenta in modo inversamente proporzionale all’età del figlio.
E’ comunque consigliabile stabilire con i figli alcune regole d’utilizzo, informandoli che essi (=i genitori) potranno avere accesso al dispositivo fino al raggiungimento del diciottesino anno d’età. La modalità potrà essere diretta, ma anche attraverso applicazioni “sentinella” come One,  scaricabile dopo pagamento a partire da 16€ ( spesi bene) da questo indirizzo