9 Maggio 2021

A.s. 2021-22, arriva la prima pessima notizia dal Lazio

By Gianfranco
A.s.2021-22

A.s. 2021-22 rischia di essere la fotocopia di quello attuale. I problemi sono tanti e non risolti. La pessima notizia arriva dal Lazio.

A.s. 2021-22, rischia di essere la fotocopia di quello che si sta concludendo. Purtroppo non arrivano buone notizie dal Lazio. A confermarlo è un articolo  de “Il Corriere della Sera“(edizione romana). Irrisolvibile il problema delle classi pollaio, per gli altri invece…

A.s. 2021-22, sarà una fotocopia di quello attuale? Pessimo segnale

A.s. 2021-22, rischia di replicare lo scenario di quello che sta per concludersi. L’emergenza sanitaria proseguirà. Quindi i problemi da affrontare saranno gli stessi. Anzi diversi, per via della presenza delle varianti.  Al momento, però tutto è fermo. Purtroppo un articolo de “Il Corriere della Sera” pubblicato oggi, conferma lo stallo. Si legge:” Il mondo della scuola, che resta sotto pressione tra le quarantene e l’incognita dei corsi estivi difficilmente realizzabili, pensa già a settembre. Perché come è emerso nell’ultima riunione di venerdì tra l’Ufficio Scolastico regionale, i presidi e i sindacati, nonostante sia passato un anno molti nodi non sono stati risolti”.
Quali sono questi problemi? La conferma delle classi pollaio, che in alcuni casi sono un prodotto di un’inadeguata organizzazione dei Presidi; la mancanza di spazi, la disorganizzazione dei trasporti; la scelta di non effettuare tamponi settimanali, ponendosi agli antipodi della scelta della Gran Bretagna e  Regione Trentino-Alto Adige. Per finire esiste la questione vaccini che al momento non copre tutto il personale scolastico.

Occorrono rapide decisioni

Purtroppo il problema delle classi pollaio non potrà essere risolto in pochi mesi. La questione necessita di una riorganizzazione degli spazi e la costruzione di nuovi edifici. Giustamente ha dichiarato M. Rusconi:” Il Direttore dell’Ufficio regionale ha promesso che chiederà di intervenire sugli organici, ma anche se riuscissimo ad avere più insegnanti, dove metteremmo le nuove classi?
Altri problemi possono trovare una soluzione. Occorre però una ferma volontà politica per conseguire gli obiettivi. Mi riferisco ai trasporti, ai tamponi e ai vaccini. Il tempo è sufficiente per risolvere questi nodi. Centrale è la questione dei tamponi, che se effettuati settimanalmente a tutti, mitigherebbe la presenza negativa del sovraffollamento delle classi.
Si pensa forse di riproporre le soluzioni pensate da L. Azzolina inadeguate a fronteggiare le varianti?