• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Abolizione delle classi pollaio, un bell’annuncio elettorale

Abolizione classi pollaio

 

Abolizione delle classi pollaio. Se ne parla in alcune interviste e dichiarazioni. La sensazione è di trovarsi di fronte ai soliti annunci. Occorre applicare l’approccio E. Fornero. Ha ragione M. Gelmini quando chiede…

Abolizione delle classi pollaio, il tema elettorale

Abolizione delle classi pollaio. Il tema diventa elettorale. Non può essere altrimenti. La scuola è frequentata da otto milioni di studenti/allievi. Dietro ci sono milioni di adulti/elettori. Il circo delle promesse è stato aperto da Azione e Fratelli d’Italia che hanno posto il problema. L’annuncio ovviamente non è supportato da alcun riferimento sulle risorse economiche necessarie. Troppo facile! In questo modo si cade nell’approccio di S. Berlusconi che annuncia l’innalzamento della pensione per tutti a 1000€ (nel 2008 la promessa non fu mantenuta), o l’assegno sociale alle nonne e alle mamme…
Sono fortememente critico verso E. Fornero, promotrice di una riforma pensionistica che non è servita ad abbassare il debito, ma condivido il metodo che lei ha proposto per smascherare le fake news elettorali: verificare la presenza delle risorse economiche.

Il senso della domanda di M. Gelmini

M. Gelmini è la responsabile del maggior prelievo forzato sulla scuola. Nel periodo 2008-11 ha applicato una cura da cavallo all’istituzione, depotenziandola di otto miliardi di €. L’obiettivo fu ottenuto con il combinato di innalzamento degli alunni per classe/riduzione dei docenti. Senza dimenticare l’eliminazione delle compresenze nella scuola primaria, molto utili per azioni di recupero e potenziamento. Colpo mortale per la fattibilità dell’inclusione!
Il misfatto è stato ricordato dal “Il Fatto Quotidiano” (31 luglio) “Ma ve lo ricordate chi ha distrutto la scuola?” . L. Giarelli e F.Sorrentino ricordano anche alcune dichiarazioni di esponenti del Pd. “Disastro omeopatico“, “mattanza della scuola”. La Gelmini “lascia un panorama di macerie”.
Chi lavora nella scuola individua in M. Gelmini il peggiore Ministro dell’Istruzione! Detto questo però ha un fondamento la domanda che l’esponente politico ha posto alla sinistra: “Perché non lo avete abolito la mia riforma? Di tempo ne avete avuto” (Otto e mezzo). Sono chiamati in causa, il Pd, L. Azzolina e altri ancora. L’esponente ex pentastellata ha sperimetato la difficoltà di conseguire l’obiettivo, quando nel gennaio 2019 si vide fermato il suo disegno di legge da V. Aprea (FI) e A. Ascani (Pd) perché l’abolizione delle classi pollaio comportava un importante esborso: cinque miliardi (art. 1). Il problema è tutto qui!