• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Aumento stipendi degli insegnanti, la promessa elettorale di E. Letta non regge

Aumento stipendi degli insegnanti

 

Aumento stipendi degli insegnanti, la politica si muove. Ieri la promessa di E. Letta. Non è difficile individuarne le criticità.

Aumenti stipendi, E. Letta promette

Aumento stipendi insegnanti. La campagna elettorale rappresenta il circo delle super-balle. E’ ricorrente la promessa trentennale di rendere decorosa la condizione economica dei docenti. Tutti i partiti hanno sempre promesso la luna. La realtà poi, declinata nell’arte del governare ha poi rivelato il Nulla dietro le parole.
E. Letta sta dimostrando una certa difficoltà a gestire il reale. Da professore universitario l’impresa è semplice. Non occorre scontrarsi con la complessità della realtà, fatta anche dal carattere spesso volubile delle persone (C. Calenda), dalle normative vigenti (D.Lvo 29/93)…
L’approccio è confermato dall’ultima balla annunciata a “Filorosso”(Rai 3). “Mi prendo l’impegno: se vinciamo, a fine legislatura, gli insegnanti saranno pagati con una retribuzione che sarà la media di quella degli altri insegnanti europei. E’ una cosa che vorrei fortissimamente per la fine della legislatura, nel 2027. L’Italia è uno dei Paesi che paga gli insegnanti di scuola media o superiore di meno di tutti gli altri. O meglio  all’inizio della carriera è un pochino meno, poi, andando avanti, negli altri Paesi lo stipendio cresce. In Italia praticamente resta uguale”

La balla si regge sulla sabbia

La politica è fortemente condizionata dalla logica del pallottoliere. Soprattutto in tempo di elezioni. Difficile sfuggire alla tentazione di ammaliare con promesse un milione di elettori (personale socolastico) che possono fare  la differenza. Da qui al 25 settembre i docenti saranno investiti da uno tsunami di mirabilanti promesse, che si avvicineranno o supereranno l’annuncio di Bianchi sull’aumento di 600€ per gli insegnanti, illudendosi di trovarsi di fronte a dei creduloni.
Ma torniamo sulla balla di E. Letta. Innanzitutto si dimentica degli insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria che rappresentano i 2/4 del comparto scuola, dimostrando di conoscere poco il sistema formativo.
Non convince la prospettiva. Troppo lontana (2027) e quindi densa di incognite, come la retribuzione al docente esperto rinviata al 2032 che sicuramente sarà falcidiata dall’inflazione.
Il Pd ha partecipato ai governi sei volte su sette. Durante questi undici anni gli adeguamenti (D.Lvo 29/93) non sono mai divenuti aumenti perché nessuno (governo o Parlamento) si è fatto promotore di un provvedimento che superasse la gabbia della normativa vigente.
E. Letta non può promettere nulla, perchè la fuoriuscita di C. Calenda dalla colazione di centro sinistra esprime una sua sconfitta. Questa con la probabile vittoria elettorale della destra e il crollo di quella avversaria (centrosinistra) decreterà anche la sua fine politica. Quindi è difficile credere a questa promessa.