Covid
27 Settembre 2021

Bambini e Covid, gli aggiornamenti sulla sicurezza dopo i dati

By Gianfranco

 

Bambini e Covid, proseguono la grandi manovre per il ritorno alla normalità. Occorre però essere cauti! Aggiorniamo il protocollo di sicurezza, ma  dopo l’analisi dei dati e soprattutto attendiamo i primi freddi e le piogge.

Bambini e Covid, si ipotizzano degli aggiornamenti sulla sicurezza

Bambini e Covid. Il rapporto rimanda alla maggiore criticità e incertezza per la riapertura in sicurezza delle scuole. Al momento gli alunni non sono soggetti a vaccinazione.  Gli esperti sono sempre più convinti, dati alla mano, che i bambini (over 12) siano ben attrezzati contro il virus.  L’ultima dichiarazione è di F. Vaia, direttore dell’Istituto Spallanzani di Roma. ” Oggi non c’è nessuna urgenza perché tra i bambini ci sono zero ricoveri nelle terapie intensive e zero ricoveri nei reparti ordinari  Per questo adesso non c’è nessuna emergenza e urgenza”.
Pertanto l’indicazione del Cts (luglio ’21) del distanziamento come raccomandabile, accolta dal Governo nel suo Piano per la riapertura non sorprende.
Purtroppo questa tendenza a riportare le scuole a una situazione pre-Covid non è un capitolo chiuso.
Si sta pensando alle bolle che limitano le quarantene al compagno di banco, inteso come soggetto prossimo. Sorprende l’ipotesi, confermando che chi le avanza, ha poca familiarità con i bambini di oggi. Vivaci, poco inclini a rimanere seduti nel loro banco e molto insofferenti alle mascherine. A differenza di quelli proposti dall’inchiesta “I bambini e noi” (fotografia dell’infanzia tra gli anni 60 e ’70) di L. Comencini, gli attuali alunni cercano la relazione, il contatto con i compagni. Chi ha esperienza di aula sa benissimo che questa sistema di relazione è dinamico.
E non è finita. Lascia perplessi la notizia riportata da tecnicadellascuola.it  “Più di un cambiamento riguarda le mascherine secondo lenuove disposizioni del Dl 111 appena approvate al Senato. Una novità particolarmente incisiva per l’organizzazione scolastica e per la didattica riguarda la possibile deroga all’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie per le classi formate da studenti che per ragioni anagrafiche siano esclusi dalla campagna vaccinale. Si tratta quindi di classi con alunni sotto i 12 anni. Ad essere coinvolte nella novità, insomma, tutte le scuole primarie e alcune classi della scuola secondaria di primo grado.”

Prima i dati e poi gli aggiornamenti

A mio parere si sta già rischiando con gli aggiornamenti sulla sicurezza, rispetto alle indicazioni dello scorso anno. Non ritengo che sia il caso di introdurre ulteriori cambiamenti, tenendo presente che la stagione estiva si sta prolungando. Nessuno può ipotizzare lo scenario che avremo, quando inizieranno i primi freddi, accompagnati da piogge e neve. Si dovrà fare i conti con l’unica soluzione proposta dal governo: tenere le finestre aperte! Occorre tener presente che, secondo il Rapporto ISS COVID-19, n.11/2021,  il sistema più efficace di areazione è ”  con finestre aperte, porta aperta e finestre corridoio aperte”. Le altre soluzioni, invece ” con finestre aperte e porta chiusa  e  finestre aperte, porta aperta e finestre corridoio chiuse”, risultano rispettivamente un’ azione corretta ma con ricambio lento e un’aerazione errata.
Ritengo, quindi che occorra attendere i dati proposti dallo scenario autunnale (vero) e invernale, prima di prendere qualche decisione. Diversamente si rischia un azzardo, dalle conseguenze non prevedibili e soprattutto manifesterebbe la criticità del piano scuola 2021-22: la mancanza di alternative alla Dad.