• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Classi pollaio, apparentemente il Ministro Bianchi si contraddice

Classi pollaio

 

Classi pollaio, il tema è sempre attuale. Qualche giorno fa  il Ministro lo nega o comunque lo minimizza. Ieri, invece afferma il contrario. Il gioco delle parole, però non riesce a nascondere…

Classi pollaio, il Ministro torna sui suoi passi?

Classi pollaio, un giorno il Ministro Bianchi sembra archiviare il tema, riducendolo a poche centinaia di classi, che tecnicamente superano i limiti imposti dal D.P.R.81/09. Su questa poszione è in buona compagnia. Mi riferisco a A. Gavosto che nel suo ultimo lavoro “La scuola bloccata” ha ribadito l’esiguità delle classi fuori legge.
Ieri, invece il Ministro ha fatto un dietro front. All’interno dell’iniziativa “Una scuola che si prende cura del futuroHa dichiarato: “Abbiamo sicuramente un problema di aule sovraffollate, ma abbiamo anche classi in cui c’è difficoltà ad attivare le prime. Su questi è necessario lavorare con una visione più ampia e lunga

Il gioco delle parole del Ministro non nasconde…

L’apparente contradditorietà del Ministro serve solo a confondere le acque.  Ormai si è convertito senza se e senza ma alla tesi che il vero problema sarà la formazione delle nuove classi. E’ consapvole che nessuno lo disturberà più di tanto. I segnali rassicuranti provengono dagli stessi docenti che si stanno dimostrando tiepidi di fronte a due petizioni.  La prima promossa dalla collega D’Auria ha da poco superato le 9.000 adesioni. Poche se pensiamo che è da quasi un anno che è stata messa online. La seconda, invece più recente, è al momento ferma a 1.500 adesioni. Senza dimenticare la scarsa adesione dello sciopero del 30 giugno. Uno dei punti di lotta era il superamento del sovraffollamento delle classi. Sarà interessante conoscere le priossime mosse di L. Azzolina che con la sua inazione sul tema ha contribuito al crollo del M5s.