28 Luglio 2021

Distanziamento in classe, l’addio allo sdoppiamento

By Gianfranco
Distanziamento in classe

Distanziamento in classe, si tornerà alla scuola pre-Covid. Classi pollaio a gogò.

Distanziamento in classe, sarà fatto ma senza lo sdoppiamento. Il suggerimento del Cts e la norma sul personale Covid rappresentano un passo indietro, rispetto alla decisione adottata dall’ex Ministra Azzolina. In altri termini, classi pollaio a gogò.

Distanziamento in classe, senza ricorrere allo sdoppiamento

Distanziamento in classe. Sarà mantenuto! Lo conferma il  Cts che raccomanda “laddove possibile in termini di condizioni strutturali-Iogistiche esistenti nei presìdi scolastici, pagando attenzione a evitare di penalizzare la didattica in presenza … di mantenere il distanziamento interpersonale in posizione seduta”. Il distanziamento, quindi, continua a costituire
misura prioritaria di sicurezza.
L’impossibilità di mantenere i necessari distanziamenti nelle aule non determinerà però l’automatica interruzione della didattica in presenza quanto, piuttosto, esigerà l’adozione delle altre
misure, ormai ben note, di prevenzione del contagio. Ivi incluso l’obbligo di indossare mascherine chirurgiche nei locali chiusi.
L’ipotesi di una ripartenza diversa da quella dello scorso anno si trova nelle nuove condizioni che caratterizzano la conferma del personale Covid. Innanzitutto il loro contratto al momento, sarà valido fino al 31 dicembre. A questo occorre aggiungere l’esiguo stanziamento (350 milioni di €) per la loro assunzione di tre-quattro mesi. Lo scorso anno la contestatissima L. Azzolina riuscì a ottenere un 1,8 miliardi di € per lo sdoppiamento delle classi e la conseguente assunzione del personale aggiuntivo.
Se lo scenario sarà confermato si tornerà alla scuola pre-Covid con le classi pollaio senza limitazioni. Quindi tutti insieme appassionatamente, nonostante il Covid e il contesto pandemico che dovrebbero richiedere una maggiore cautela. L’infettivologo M. Galli conferma il rischio: “gli operatori scolastici sono loro ad essere messi in pericolo dai loro allievi”, tenendo presente che a settembre gli under 12 non  saranno sicuramente vaccinati. Stesso discorso vale per gli ultradodicenni. Difficilmente si arriverà alla protezione completa per tutti (Domani, 27 luglio)

Il Ministro aveva dichiarato altro

Tutto questo è in linea con quanto dichiarato recentemente dal Ministro Bianchi, rimandando il problema della soluzione al Pnrr. Ecco le sue parole: Classi pollaio? Io non sono né Harry Potter né Albus Silente, stiamo lavorando parlando con le scuole e gli uffici scolastici regionali, ci stiamo lavorando tutti insieme perché la teoria del ‘cosa fate voi’ ha sempre deresponsabilizzato tutti. La responsabilità politica è mia e me la sto prendendo, ma siamo arrivati da 5 mesi e abbiamo ereditato 30 anni di problemi. Ma, attenzione c’è anche il problema opposto, quello delle classi vuote. Ci sono comuni dove non si riescono a formare le classi prime. La legge per eliminare le cosiddette classi pollaio, si farà, la farà il Parlamento, il Ministero delle Finanze cerca le coperture. Sicuramente si farà. Il governo si è impegnato nel Pnrr sulla numerosità delle singole classi e sul dimensionamento degli edifici scolastici. È una delle riforme che ci è stata chiesta”