Il distanziamento
7 Settembre 2021

Il distanziamento raccomandabile o obbligatorio? La querelle tra i tecnici

By Gianfranco

Il distanziamento quest’anno sarà raccomandabile. Lo scorso anno era obbligatorio. Tra gli esperti non tutti sono d’accordo con le nuove indicazioni del Cts. Fa parte delle regole della scienza moderna. Forse era auspicabile una maggiore prudenza. Le prossime settimane

Il distanziamento un criterio che divide i tecnici

Il distanziamento è uno degli accorgimenti che possono aiutare la vaccinazione a tenere lontano il virus. Quest’anno la conferma dell’obbligatorietà avrebbe migliorato l’efficacia della lotta contro il nuovo Coronavirus di origine indiana. La scelta compiuta dal governo Conte 2 ha ricevuto il plauso da parte di A. Villani (Direttore del reparto di pediatria del “Bambino Gesu”)
Ora però si volta pagina!  Nel verbale del 12 luglio, ripreso poi dalla nota ministeriale del 22 luglio,  ” il  CTS raccomanda di mantenere il distanziamento interpersonale in posizione seduta, questa misura rimanendo prioritaria rispetto alla sicurezza;laddove non sia possibile mantenere il distanziamento fisico (quesito 2.d) per la riapertura delle scuole, resta fondamentale mantenere le altre misure non farmacologiche di prevenzione, ivi incluso l’obbligo di indossare nei locali chiusi mascherine di tipo chirurgico;”
L’indicazione non ha trovato tutti d’accordo. Partendo dalle ultime dichiarazioni, cito A. Miozzo, F. Pregliasco e A. Villani. Il primo ha dichiarato a “Il Corriere della Sera” di oggi che non comprende la raccomandazione del distanziamento di un metro, denunciando la presenza delle classi pollaio, verso le quali non si è trovata alcuna soluzione . “Oggi abbiamo ancora 50 morti al giorno (oltre 350 alla settimana  e circa 5 mila contagi come si fa a dire che la pandemia non è più un problema
Dello stesso parere si dimostra W. Ricciardi “Anche i vaccinati possono, seppur senza conseguenze gravi, avere l’infezione e trasmetterla  per cui è opportuno che in luoghi chiusi e affollati vengano rispettati i due parametri del distanziamento e delle mascherine” (Morning News, 7 ottobre 2021).
Come ho riferito ieri anche A. Villani (direttore del reparto di pediatria del “Bambino Gesù”) ha lodato le misure adottate dal Governo Conte 2, tra le quali c’era l’obbligo del distanziamento tra le rime buccali.

Le diverse posizioni esprimono il carattere della scienza moderna

La contrapposizione tra il Cts e alcuni tecnici non deve meravigliare. La scienza moderna procede per contrapposizioni, grazie alle quali si riesce a trovare una sintesi basata su dati e ricerche. Lo scenario sanitario imposto dal Coronavirus cinese e dalle sue varianti non sfugge a questa regola. Ci troviamo di fronte a una situazione nuova, mai sperimentata prima. Quindi è logico che ci siano due posizioni con tutte le loro sfumature.
Purtroppo nessuno può dirci, quale scenario vivremo fra qualche mese. Migliore? Peggiore? In questo clima d’incertezza era auspicabile mantenere una certa prudenza, mantenendo il distanziamento obbligatorio. Speriamo di non dover pagare fra qualche settimana l’indicazione meno stringente sul distanziamento. Non possiamo permetterci di tornare in Dad, né tantomeno ripetere l’elastico delle aperture e chiusure per via delle quarantene.