2 Agosto 2021

Il Ministro Bianchi, alla stampa inizia a far rimpiangere L. Azzolina

By Gianfranco
Il Ministro Bianchi

A un mese e mezzo dall’inizio delle lezioni, le scuole ancora non sanno come riaprire. I giornali iniziano a criticare l’attendismo del Ministro

Il Ministro Bianchi, il suo attendismo inizia ad essere criticato dalla stampa finora benevola, oppure distratta da altre questioni. Finita la luna di miele con i massmedia?

Il Ministro Bianchi, ancora niente sulla ripartenza a settembre

Il Ministro Bianchi, successore della criticatissima L. Azzolina. Finora ha goduto di una scarsa attenzione da parte dei mass media. Il tempo, però è scaduto. La riapertura delle scuole, ormai è imminente. Apparentemente il tempo sembra lungo. In realtà manca poco all’inizio delle lezioni, considerando il mese di agosto che è tradizionalmente un periodo morto, dove le attività produttive e amministrative rallentano  subiscono un significativo rallentamento.
Al momento non si conoscono le direttive per la riapertura autunnale. La settimana scorsa è stato reso noto il Piano scuola 2021-22, che però ancora deve essere formalmente approvato dal Governo, dopo averne discusso con i sindacati e le Regioni. Documento molto criticato per la mancanza di indicazioni certe (distanziamento, mense) o per l’esiguità delle risorse stanziate (organico Covid) Quindi la situazione inizia a impensierire  l’opinione pubblica e di conseguenza i mass media.

Dopo L. Azzolina aprono le danze diversi quotidiani

Le danze sono state aperte dall’ex-Ministra L. Azzolina. Ne ho parlato ieri.
” Il Corriere della Sera” di oggi pubblica una risposta molto dura del Direttore Fontana alla lettera di un lettore. “Siamo arrivati ad agosto e purtroppo i timori per il ritorno a scuola crescono –  Sembra di guardare un film già  visto l’anno scorso. Decisioni fumose sui trasporti, misure annunciate ma non realizzate su affollamento delle aule, protocolli di sicurezza, vaccinazione degli insegnanti e dei ragazzi. Il ministro Bianchi mi appare molto concentrato sulla filosofia dell’istruzione piuttosto che impegnato nel produrre concretamente tutti i provvedimenti che servono”
L. Fontana non è solo, anche “Libero” e “Il Secolo d’Italia” si associano alle perplessità del Direttore del quotidiano milanese.
Si legge sul primo: il Ministro Bianchi  è “un soggetto misterioso che dovrebbe governare il rientro a scuola di settembre e invece continua a latitare… fa rimpiangere persino la Azzolina, i suoi banchi a rotelle e le sue conferenze stampa sull’inclusività variopinta della didattica a distanza”. Il quotidiano inizia a constatare “l’assenza di strategie puntuali e dall’abolizione del metro di distanza interpersonale nelle classi”.
Su “Il Secolo d’Italia”, altro giornale di destra esprime l’opinione che siamo ancora all’anno zero nella preparazione del nuovo anno scolastico. Da qui “Il ministro marziano, ignaro di pandemia e di grammatica, fa rimpiangere la drammatica gestione di Lucia Azzolina...A un mese dal suono della campanella il pianeta scuola resta al collasso. Corpo docenti insufficiente, aule strapiene. Trasporti in tilt sufficiente e linee guida all’anno zero. Il canuto ministro dell’Istruzione naviga a vista. Prima ha promesso l’assunzione di 112.473 docenti, poi ha esibito rassicurazioni su un nuovo anno scolastico in serenità. Infine ha rinviato di sette giorni la presentazione delle linee guida ai governatori”.
Finita la luna di miele con la stampa?
Certo ormai siamo ai tempi supplementari. Essi richiedono quindi decisioni chiare e lungimiranti, in modo da evitare le fibrillazioni del sistema scuola. Non possiamo più permettercele.