13 Giugno 2021

Riapertura a settembre, il protocollo sicurezza non cambierà

By Gianfranco
Riapertura a settembre

Riapertura delle scuole, si replicherà. Se lo scenario sarà confermato, lo saranno anche le criticità.

Riapertura a settembre, sarà un altro anno in emergenza. Cambierà poco. Un articolo de “Il Corriere della Sera” conferma lo scenario e quindi i problemi degli ultimi mesi.

Riapertura a settembre. Si replicherà!

Riapertura a settembre. Il secondo annus horribilis si sta chiudendo. Rispetto a dodici mesi fa, si parla poco di quello che avverrà a settembre. Probabilmente la mancanza del dibattito conferma che la situazione è sufficientemente sotto controllo. In altri termini, si sa cosa fare. E questo è dovuto all’esperienza acquisita soprattutto quest’anno. L’unica incertezza sono le possibili varianti che potrebbero far saltare la protezione vaccinale  generale e nello specifico dei docenti e degli studenti, confermando la natura dinamica di una pandemia.
Tenendo conto che i bambini della scuola primaria quasi sicuramente non saranno  vaccinati (difficile la somministrazione con vaccini sperimentali), occorrerà ancora indossare le mascherine, mantenere la distanza del metro buccale. In sostanza si confermano le scelte operate da L. Azzolina.
Lo scenario è confermato da un articolo di G. Fregonara su “Il Corriere della Sera” (12 giugno) che ipotizza come unica novità i tamponi salivari. “Resta dunque la questione dei tamponi rapidi o salivari agli studenti. Se ne era parlato ad aprile, ma organizzare il sistema di controllo settimanale per gli studenti era troppo complicato in tempi brevi. E’invece possibile che – proprio per monitorare gli studenti, una parte dei quali non sarà ancora vaccinata- si possa procedere al tracciamento con tamponi salivari per i più piccoli (sicuramente non vaccinati) e tamponi rapidi per i più grandi. Su questo scenario stanno lavorando i tecnici della protezione civile e il Cts
Se questo sarà lo scenario a settembre si ripresenterà il problema dei trasporti che condizionerà la presenza degli studenti più grandi, la necessità di reperire nuovi spazi per ridurre il numero degli alunni per classe. Concludendo, assisteremo al canovaccio di quest’anno che sta per concludersi?