17 Aprile 2021

Riapertura delle scuole, la conferma e il rilancio di L. Azzolina

By Gianfranco
Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole con le misure pensate da L. Azzolina. L’ex Ministra, però rilancia.

Riapertura delle scuole avviene con le misure attuate da L. Azzolina. Confermato lo scenario, che risulta però insufficiente a gestire la nuova situazione

Riapertura delle scuole, L. Azzolina conferma tutto

Riapertura delle scuole. E’ deciso! L’intero sistema scolastico tornerà in presenza il 26 aprile. La notizia è stata ben accolta dalla ex Ministra L. Azzolina che vede confermata la validità dei suoi provvedimenti (scudo Azzolina), che a distanza di tempo sono ritenuti ancora efficaci dal governo Draghi. “Sono davvero contenta che studentesse e studenti possano tornare in classe al 100%, almeno in zona gialla e arancione. Le scuole riapriranno così come avevano chiuso, cioè alle stesse condizioni precedenti. Un riconoscimento indiretto per tutto il lavoro fatto nei mesi scorsi. Sui tamponi però c’è da fare di più: è importante che da qui al 26 si realizzino i passi in avanti promessi, il tempo per potenziare il tracciamento in questi mesi c’è stato (risale a dicembre scorso l’impegno firmato da tutte le Regioni).”
Ho più volte scritto che questa riapertura è basata sullo studio di S. Gandini che come afferma F. Pregliasco  il suo periodo”periodo di osservazione si ferma all’inizio della seconda ondata” (Il Messaggero 3 Aprile). In altri termini risulta inadatto a leggere la situazione attuale.

Il rilancio della ex Ministra

L. Azzolina non lo ammette, ma  è cosciente che le condizioni sono cambiate. Le sue  misure erano state pensate per contrastare il virus cinese. Ora è dominante la variabile inglese che imporrà ai ristoranti, quando riapriranno, al chiuso una distanza minima di un metro, che potranno divenire anche due metri “in base allo scenario epidemiologico di rischio
Quindi spinge il governo per tamponi, senza però esporsi sulle  modalità di somministrazione.
Solo il tracciamento con tamponi settimanali per studenti e allievi (scelta inglese) , possono favorire anche la rilevazione dei tanti asintomatici tra i ragazzi che purtroppo possono infettare i genitori e nonni. Occorre tener presente come afferma il Prof. M. Galli che al momento la copertura vaccinale è al 23%, “molto lontano da 140-150 dosi ogni 100 abitanti…Il dato è quindi estremamente basso. Inoltre, abbiamo un quarto degli ultraottantenni che non hanno ricevuto ancora una dose” (Otto e mezzo 16 aprile)