29 Marzo 2021

Riapertura delle scuole, le tre regole non sono più sufficienti!

By Gianfranco
Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole. La variante inglese richiede i tamponi rapidi e settimanali. Idea abbandonata

Riapertura delle scuole, il governo ha deciso! Sara didattica in presenza anche nelle zone rosse. Non esiste alcuna certezza sui contagi. Senza però tamponi settimanali rapidi si rischia tanto.

Riapertura delle scuole, la decisione avventata del governo

Riapertura delle scuole. Sicuramente sarà così per le scuole fino al primo anno della scuola secondaria di primo grado (scuola media). A mio parere è un azzardo! Come ho scritto il governo si basa su un lavoro favorevole alle riaperture coordinato da Sara Gandini. Lo studio è stato confutato da un interessante articolo di A. Casadio pubblicato sul quotidiano Domani. Preoccupa il fatto che non sia stato diffuso,  quindi favorita una seria discussione. Il medico giornalista porta, a sostegno della sua tesi prudenziali, due lavori  pubblicati su  Nature Human Behavior e Science.
Sul portale The Lancet, altro riferimento autorevole si legge “Le argomentazioni secondo cui le scuole non contribuiscono alla trasmissione della comunità e che il rischio complessivo per i bambini di COVID-19 è molto basso hanno significato che le mitigazioni nelle scuole hanno ricevuto una bassa priorità. Eppure le prove citate per questi argomenti hanno seri limiti. La chiusura delle scuole primarie e secondarie è stata associata a riduzioni sostanziali nel tempo del numero di riproduzione effettiva (Rt) in molti paesi (inclusa l’Inghilterra) e periodi di tempo.Al contrario, i dati dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) 2020 COVID-19 Infection Survey mostrano che la prevalenza di infezione tra i bambini di età compresa tra 2 e 10 anni (2%) e 11-16 anni (3%) è aumentata al di sopra della prevalenza per tutte le altre fasce d’età prima delle vacanze di Natale 2020 ( appendice pag.4 ). Sia la modellazione che i dati del mondo reale in prestampa mostrano casi in aumento nelle regioni in cui la variante SARS-CoV-2 B.1.1.7 era prevalente durante il blocco nel novembre 2020 (quando le scuole erano aperte), suggeriscono che l’apertura di tutte le scuole ora senza solide misure di mitigazione in atto porterà probabilmente a un aumento di Rt sopra 1 in quasi tutti gli scenari.”
Questi sono i riferimenti alti. Ne esistono anche altri che difettano però di accuratezza e autorevolezza come l’articolo di F. Bechis  pubblicato sul quotidiano Il Tempo (“Aule aperte, bar no. Che follia”).

 

Non sono sufficienti le regole per un’apertura sicura

Da quando è scoppiata la pandemia vengono riproposte le solite tre regole per contenere la diffusione del virus: uso delle mascherine, distanziamento di almeno un metro e frequente lavaggio delle mani. Lo scudo Azzolina si è basato su questi tre comportamenti. In presenza del Covid-19 di origine cinese ha funzionato. Ora però lo scenario è cambiato, grazie alla  variante inglese che ha individuato nuovi soggetti da contagiare: i bambini e i ragazzi! Molti di essi risultano asintomatici, in grado però di infettare i familiari non ancora vaccinati.
Per una riapertura in sicurezza era stato proposta un’attività di tracciamento e tamponi rapidi diffusi e da ripetersi ogni settimana. Ora, solo quest’ultima attività può favorire un serio monitoraggio della situazione e una rapida decisione finalizzata a bloccare la diffusione della variante inglese. Ovviamente tutto questo richiede un’organizzazione capillare “Per riuscirci servirebbero risorse che il premier Draghi ha dimostrato di non voler investire: «In alcuni casi sarà possibile effettuare il test» per gli studenti, ha detto, «ma parlare di azione globale mi sembra eccessivo» (Il Manifesto, 27 marzo 2021).
Viste le criticità si è ripiegati sulla  soluzione più semplice: tamponi a campione. La proposta è sostenuta anche da A. Crisanti “Non serve fare un tampone a tutti gli studenti italiani. Il nostro Paese passa con troppa facilità dal nulla al tutto per poi tornare al nulla. Serve, invece, un controllo periodico su base statistica. Nei diversi istituti, differenti per età degli alunni, per anno di costruzione, per il pendolarismo di studenti e insegnanti, si possono fare controlli a campione. Utilizzando i tamponi antigenici, quelli da farmacia. Non è importante capire quanti sono i positivi, ma dove sono. Il salivare resta un test molecolare, diciamo lento, non si presta a questo screening”
Se la proposta dovesse concretizzarsi resta da capire quale personale dovrà incaricarsi di effettuare questi tamponi (Asl, infermieri volontari formati e da destinare alle scuole).
Il dibattito comunque trasmette la sensazione che le misure di contenimento, pur valide, siano oggi in parte superate dallo scenario imposto dalla variante inglese.
Concludendo, si rischia fra qualche giorno di richiudere le scuole!