16 Aprile 2021

Riapertura delle scuole, troppo semplice l’annuncio

By Gianfranco
Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole, B. Floridia dichiara una data. Ma le scuole sono sicure?

Riapertura delle scuole, B. Floridia ipotizza un’apertura totale il 3 maggio. Siamo però lontani da una scuola sicura.

Riapertura delle scuole, B. Floridia lo annuncia

Riapertura delle scuole. Il governo è intenzionato ad aprire i cancelli dell’intero sistema scolastico. Esiste già una ipotetica data: il 3 maggio! Ad annunciarlo è la sottosegretaria B. Floridia. Si legge sulla sua pagina Fb:” IL RITORNO IN CLASSE È NECESSARIO PER IL BENE PSICOLOGICO DEI NOSTRI GIOVANI.
Il 3 maggio devono tornare in presenza, in classe, tutte le studentesse e gli studenti. Mi sembra la logica conseguenza del lavoro avviato nelle scorse settimane. Finalmente si parla della riapertura di molte attività, e la scuola, che è prioritaria, è logico che riapra il primo giorno utile anche per i ragazzi delle superiori che sono in Dad. È ciò che ho sempre chiesto, dunque sono soddisfatta che si stia andando in questa direzione. Regalare a tutti gli studenti almeno l’ultimo mese di scuola in presenza è importante, sul piano educativo e soprattutto su quello psicologico.”

Poco è stato fatto, anzi alcune decisioni lasciano interdetti

In generale stiamo assistendo al medesimo scenario che segue a un miglioramento della situazione sanitaria.   sicuramente non è sinonimo di fuoriuscita dalla pandemia. I numeri sono ancora alti, soprattutto i decessi e le terapie intensive.  La criticità della situazione è confermata da  medici e operatori sanitari: “Chiediamo alla politica di ascoltare le decine e decine di migliaia di colleghi che da tredici mesi lavorano nell’emergenza territoriale e negli ospedali” Parlano di perplessità e amarezza e ricordano il rischio di un prolungamento della pandemia e di una persistente ed elevata mortalità tra i cittadini non ancora protetti con la vaccinazione” (Domani, 16 aprile).
Ora il comprensibile desiderio di riaprire soprattutto le secondarie, ma  non è supportato da una maggiore sicurezza nei trasporti locali. Inoltre la proposta di tracciare con tamponi settimanali tutti gli studenti e allievi è tramontata. Non se ne parla più! Il motivo è semplice: l’operazione richiede risorse economiche. Infine, se si riaprirà molti professori della secondaria risultano non protetti con la prima dose del vaccino. Questa è l’ultima decisione del Commissario straordinario all’emergenza Figliuolo.
Probabilmente si spera che alcune criticità vengano risolte con l’arrivo dei primi caldi.