12 Marzo 2021

Scuole aperte o chiuse? Esiste una sola risposta!

By Gianfranco
scuole aperte o chiuse?

Scuola aperte o chiuse. Esiste una sola risposta. La Dad è uno strumento in mano alle persone coinvolte

Scuole aperte o chiuse? E’ il dilemma di questi giorni. Il virus ha rialzato la testa. Molti sono preoccupati dell’eventuale chiusura. Di fronte al nuovo scenario esiste solo una soluzione. Occorre superare la sterile lamentela.

Scuole aperte o chiuse?

Scuole aperte o chiuse? Torna il dilemma! Lo scenario epidemiologico è cambiato. Il virus ha imparato una nuova strategia che gli ha permesso di essere più contagioso soprattutto sui più giovani. Nello stesso tempo è tornata a protestare la  componente sociale che persegue l’obiettivo delle scuole aperte. Il loro problema è la mancanza di soluzioni fattibili, considerando le criticità strutturali, (ad esempio classi affollate) l’inefficacia del metro buccale pensato quest’ultimo per il Covid-19 cinese ormai andato in pensione, le mascherine chirurgiche in dotazione agli insegnanti (33% sono over 55).
La dichiarazione che la Dad crea danni irreversibili pecca di genericità e soprattutto non si è concordi sulle valutazioni. D. Lazzari (Presidente dell’ordine degli psicologi) evidenzia gli effetti negativi sulla psiche degli allievi (materna ed elementare). Per gli studenti dei gradi successivi si registra uno studio più passivo. Di segno opposto l’indagine Indire che qualche mese fa ho trattato in un contributo.
Tra i virologi si sta registrando una maggiore convergenza valutativa. Ad A. Crisanti e M. Galli da sempre critici verso il mantenimento delle scuole aperte, si è unita anche A. Viola. La virologa diversamente posizionata fino all’altro giorno ha dichiarato: “A proposito delle scuole, Antonella Viola ha sottolineato come le scuole siano un luogo a rischio. ‘È impossibile tenere sempre i bambini a distanza con la mascherina indossata, poi le classi sono troppo numerose. Con questa nuova variante così contagiosa, meglio chiudere le scuole” (Il Corriere della Sera, 11 marzo).
Pertanto considerato il cambio di scenario che comporta un maggiore rischio e un evidente risalita dei contagi, non resta che chiudere.
Aggiungo e concludo, occorre cambiare passo!  Non fermarsi alla sterile lamentela o constatazione che la Dad è negativa. Questa è un approccio totalmente in mano agli insegnanti e alunni. Spetta soprattutto ai primi individuare percorsi educativi che potranno, caratterizzare un curricolo virtuale da affiancare a quello in presenza, quando la situazione sanitaria si normalizzerà.