Scuola e sindacati
25 Settembre 2021

Sindacati scuola, che fine hanno fatto le ultime rivendicazioni?

By Gianfranco

 

Sindacati e scuola, per la riapertura avevano fatto delle specifiche richieste. Risultato deludente. Occorre cambiare la scaletta.Diversamente…

Sindacati e scuola, le loro richieste per la riapertura

Sindacati e scuola. La riapertura delle scuole in sicurezza è un obiettivo che ha trovato d’accordo il governo e i sindacati. Era difficile non condividerlo. La diversificazione è avvenuta sulle modalità. In sostanza il governo ha aggiornato il suo piano, rispetto a quello ideato dal Governo Conte 2, basandolo sul rischio ragionato.
Il sindacato, invece ha avanzato alcune richieste. Ha richiesto la conferma del personale Covid e quindi l’assuzione a tempo determinato di 70.000 unità di personale scolastico per favorire lo sdoppiamento delle classi. Ha richiesto il superamento delle classi pollaio. Su quest’ultimo punto il sindacato Anief ha radicalizzato la rivendicazione arrivando a questa dichiarazione: “la distanza minima in classe è fondamentale, su questo la scienza non transige. Per questo motivo dopo la petizione per cancellare le classi numerose siamo pronti a far partire una Class Action, sempre promossa da Anief e Iure condito gratuita. Il fine è avere tra le 188 mila classi in più ad un massimo di 330mila, quindi il doppio delle attuali, come pure il doppio dell’organico di docenti e Ata. I soldi ci sono, basterebbe meno di un terzo di quelli europei del Pnrr”

Risultati poco confortanti

Dopo due settimane è possibile affermare che i risultati su questi due fronti sono abbastanza deludenti. Il personale Covid è stato confermato in 40.000 unità e le classi pollaio sono aumentate con la riduzione del personale aggiuntivo. I sindacati sono riusciti a strappare l’impegno del Ministro a destinare l’organico Covid per sanare le situazioni di classi particolarmente numerose, che secondo P. Bianchi superano i 29 alunni/studenti. Operazione facilitata dalla normativa vigente che prevede numeri massimi (senza deroghe) di 26-27 bambini/ragazzi.

La strategia sindacale non porterà a nulla

Ragioniamo su questa stategia che si sta ripetendo anche per la vertenza contrattuale. Le richieste risultano estemporanee, avulse dalla normativa vigente. In uno stato di diritto qualsiasi rivendicazione per essere accolta deve essere coerente il quadro legislativo. Diversamente qualunque richiesta è respinta. In concreto occorreva richiedere l’abrogazione legge 106/21 art. 58 comma  4-ter che autorizza l’utilizzo delel somme residue (350 milioni €) per la nomina del personale Covid. Lo scorso anno il Governo Conte 2 ne aveva stanziati 1.800 milioni.
Per l’abolizione delle classi pollaio la strategia dei proclami non porta a nulla,  finché rimarrà in vigore la Legge 133/08 e nello specifico il D.P.R.81/09. Non mi risulta che i sindacati abbiano richiesto con decisione l’abrogazione di questi due dispositivi. Lo scorso anno la chiamata del personale Covid era stato possibile perché L. Azzolina aveva chiesto una deroga al D.P.R.81/09.
Difficile, quindi comprendere la strategia sindacale.