27 Luglio 2021

Tamponi salivari e scuola, una parziale buona notizia proviene dal bresciano

By Gianfranco
Tamponi salivari e scuola

Tamponi salivari e scuola. Importante la vaccinazione, ma da integrare.

Tamponi salivari e scuola. Molti quotidiani si concentrano sulla vaccinazione al personale scolastico. La soluzione è buona, ma non risolve. Occorrono i tamponi salivari. “Il Corriere della Sera ed. Brescia” pubblica una buona notizia.

Tamponi salivari e scuola, i massmedia si concentrano su altro

Tamponi salivari e scuola. La soluzione non sostituisce la doppia vaccinazione. Questa, come ho scritto ieri protegge, ma non immunizza. Da qui il contagio che ha riguardato venti membri  dell’equipaggio dell’Amerigo Vespucci. Tutti si erano sottoposti alla vaccinazione.
Considerata la criticità i giornali di oggi, aprono le loro prime pagine sulla vaccinazione obbligatoria al personale docente. Ecco alcuni esempi: “Vaccini obbligatori per tutti i Prof” (La Stampa), “Obbligo di vaccino per i prof” (La Repubblica), “A scuola con l’obbligo del vaccino” (Il Messaggero). Più sfumato il titolo di apertura de Il Corriere della Sera: ” Scuola la spinta di Draghi

Una buona notizia dal bresciano

La mancata immunizzazione del vaccino espone il personale scolastico e gli studenti a contagi anche asintomatici che possono risultare pericolosi per i familiari o conoscenti vaccinati o meno.
Da qui la necessita di un controllo periodico della situazione sanitaria, attraverso i tamponi salivari praticati da studi medici, aziende sanitarie…
Al riguardo non si comprende l’indicazione del Cts che “ritiene che non debbano eseguirsi test in ambito scolastico né screening antigenici o anticorpali per la frequenza
scolastica“.
Una buona notizia proviene dal bresciano. Lo è a metà, perchè non sono chiari i termini della proposta. Integrano le vaccinazioni oppure in assenza di queste assumono una funzione sostitutiva una tamtum. Comunque la decisione è riporta  dall’ edizione locale de Il Corriere della Sera (27 luglio): “La Loggia è pronta a tracciare con test salivari rapidi tutti gli alunni di asili, elementari e medie cittadine (circa 18mila under 14) per garantire un rientro in classe in sicurezza a settembre. Lo conferma l’assessore all’Istruzione Fabio Capra dopo che ieri in consiglio comunale è stato incalzato dal capogruppo di Fratelli d’Italia Gianpaolo Natali (che ha presentato un’interrogazione sul tema). E lo ha ribadito la delegata alla Sanità Donatella Albini, la quale guarda «al modello Padova» e che ha già preso contatti con l’università di Medicina. Ora attendono le linee guida nazionali o quanto meno di Regione Lombardia, quindi di Ats e Asst.”