Adescamento online, la grande responsabilità dei genitori!

Adescamento online

Adescamento erotico online dipende dalle scelte sbagliate dei genitori. La scuola qualcosa può fare. Certamente non i miracoli!

Adescamento online dei minori (grooming) , le responsabilità degli adulti. Soprattutto della famiglia,  che la Costituzione indica come la prima responsabile. La conferma proviene da T. Cantelmi.

Adescamento online, l’intervista di Maura Manca (psicologa)

Adescamento online dei minori (grooming), due mesi fa la psicologa Maura Manca ha espresso il suo pensiero: “Quando parliamo di adescamento parliamo di persone che conoscono bene il linguaggio dei più giovani, parlano con loro per conquistare la loro fiducia e instaurare un legame, studiano punti deboli e vulnerabilità, capiscono come agganciarli nella loro trappola…Spesso gli adolescenti cercano in rete le informazioni riguardanti il sesso, perché riescono a superare le loro paure e le loro vergogne dietro uno schermo da cui si sentono protetti…
La verità è che la scuola è ancora impreparata, non si fa un’adeguata educazione sessuale, non si parla in maniera sistematica di questi aspetti e non si dà agli adolescenti il giusto spazio di confronto. Per questa ragione finiscono troppo spesso col rifugiarsi in rete dove, però, rischiano di essere adescati, perché non hanno ancora la prontezza per capire quando possono diventare una potenziale preda.

Siamo alle solite, il problema è la scuola!

Chiaro? Il problema è fortemente correlato all’impreparazione della scuola! Ormai è diventata una moda! Quasi sempre i problemi che gravano sulla società vanno imputati alla scuola. In tal senso va letta la decisione di ripristinare l’educazione civica nelle scuole. A dire il vero la psicologa chiama in causa la famiglia. Il peso però delle parole è fortemente sbilanciato a danno della scuola (in grassetto). “Se è vero che a scuola se ne parla troppo tardi, troppo poco e male, è vero anche che a casa spesso non se ne parla e per i ragazzi è sempre più facile cadere nelle insidie di un malintenzionato.”
I primi responsabili di questo disastro educativo sono i genitori. Senza se e senza ma! E’ la stessa Costituzione che attribuisce un ruolo fondamentale alla famiglia (art. 30).
I fondamentali educativi sono trasmessi dai genitori. In educazione come nella comunicazione vale la regola che qualunque sia il contesto, si trasmettono sempre atteggiamenti, comportamenti, valori. In altri termini, non si può non educare!
Nel nostro caso, la loro presenza educativa si traduce   in uno scimmiottamento delle leggi del mercato erotizzato e nell’incapacità a dire quei no che aiutano a crescere (A. Phillips).

“I genitori sono sbiaditi, insensati e inconsapevoli”

Sulla Caporetto educativa dei genitori sono d’accordo psichiatri come  P. Crepet e T. Cantelmi (Tecnoliquidità, 2013). Quest’ultimo professore di cyber-psicologia all’Università Europea di Roma e presidente dell’associazione Psichiatri e psicologi cattolici ha espresso un giudizio molto duro nei confronti dei genitori, definendoli ” sbiaditi, insensati e inconsapevoli“. I nostri ragazzi sono ” erotizzati precocemente. Li nutriamo di immagini e di un vocabolario sessualizzati, tra i 6 e i 7 anni sono già immersi nella dimensione della sessualità e – come ovvio – a quell’età non possono che essere vittime del più drammatico dei cortocircuiti: quello che confonde l’intimità, cioè la sfera dei sentimenti, con il sesso. E poi?
E poi vengono anche digitalizzati precocemente. Ecco che, sempre tra i 6 e i 7 anni, a volte anche molto prima, gli mettiamo in mano le tecnologie: le usano alla perfezione, passano il tempo davanti allo schermo. E attraverso lo schermo imparano la tecnomediazione delle relazioni, in cui l’empatia e le emozioni dell’altro scompaiono.”

 

Questa voce è stata pubblicata in Adescamento erotico e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.