Posted in: Sicurezza

Alunno precipitato dalle scale, la ricostruzione dei fatti

Alunno precipitato dale scalee
Alunno precipitato dalle scale. La vicenda si arricchisce di particolari.

Alunno precipitato dalle scale, si inizia a comprendere la dinamica dei fatti. Sarà la magistratura a individuare le responsabilità.

Alunno precipitato dalle scale, la vicenda diventa più chiara

Alunno precipitato dalle scale, gli interrogativi e le domande lasciano il posto ai fatti. Si inizia a comprendere la dinamica. Mi astengo da ogni commento, perché solo la magistratura potrà e dovrà individuare le  responsabilità. Metto in risalto gli elementi che l’articolista evidenzia, ma con il senno del poi.
Riprendo alcuni passaggi essenziali, pubblicati  sul Corriere della Sera (Ed. Milano), ” In classe, al secondo piano, alle 9.40 di venerdì sono presenti l’insegnante di inglese e quella di sostegno. Il bambino chiede di andare a far pipì per due volte. La prima volta la maestra gli nega il permesso, perché sa che è troppo presto ed è meglio attendere pochi minuti per l’intervallo. Ma di fronte all’insistenza del piccolo, alla sua reale necessità, lo fa uscire. Lo fa sapendo che fuori c’è la bidella che prenderà in custodia l’alunno. La bidella è lì in corridoio e farà il suo dovere…
Nelle prime ore del mattino, gli alunni che escono per andare in bagno sono pochissimi, quasi nessuno, e tenere solo un bidello al secondo piano sembra  alla preside una soluzione più che adeguata alle necessità. Ed è sempre, di fatto, andata bene così. La prassi è consolidata da anni e ha sempre assicurato la massima vigilanza. Venerdì mattina si verifica però una coincidenza quasi «diabolica»

 

20-30 secondi fatali


Il piccolo però esce dal bagno, trova la sedia della bidella e pensa di usarla per guardare giù, oltre la ringhiera. È il momento della caduta: avviene in un tempo brevissimo, il piccolo è rimasto senza controllo non più di 20/30 secondi. In questo intervallo ci sarà la seconda chiave della responsabilità penale. Restano da considerare gli ultimi due fattori: tra i bagno e il punto della caduta, non c’è una linea retta che permetta visibilità, altrimenti la bidella avrebbe potuto dare un occhio alla situazione mentre curava gli altri due bambini (lo farà, per scrupolo, proprio nel momento in cui il piccolo è oltre la ringhiera e cade giù). La sedia ha le rotelle e non fa rumore: altrimenti, nel silenzio, la bidella avrebbe potuto sentire il rumore del trascinamento e uscire a controllare.