Aumenti contagi, il monitoraggio del Mi conferma la tendenza

Scuola e Covid

Aumento contagi, il Mi inizia a convergere sulla percezione che gli insegnanti hanno della realtà.

Aumenti contagi, anche il Mi inizia a fotografare una situazione non del tutto positiva. Il nuovo monitoraggio, infatti, registra una salita. Cosa succederaà con la prossima rilevazione?

Aumenti contagi, il MIur conferma la salita preoccupante

Aumenti contagi, l’ultimo monitoraggio del Mi registra la crescita. Si legge su Il Corriere della Sera (22.10.20)la seguente dichiarazione di D.Arcuri: “Nelle scuole oggi i contagi degli studenti sono lo 0,15% – cinque volte sotto la media italiana; dei docenti lo 0,32%, dei non docenti lo 0,28%. Forse il lavoro svolto non è stato sbagliato. La scuola oggi è uno dei luoghi più protetti».
Questi dati sono praticamente raddoppiati, rispetto a quelli della precedente rilevazione (una settimana fa), fermandosi sui 13.000 ca.
Prosegue il quotidiano milanese:”E’ vero che i numeri – secondo le anticipazioni del commissario – restano bassi in termini assoluti, ma sono raddoppiati rispetto alla settimana precedente: senza contare che si riferiscono ai dati comunicati dai presidi fino a venerdì scorso 16 ottobre. I dati fino al 10 ottobre indicavano che gli studenti risultati positivi al Covid erano lo 0,080% (5.793 casi di positività), i docenti lo 0,133% del totale (1.020 casi), i collaboratori scolastici lo 0,139% (283 casi).”

Cosa aspetta il governo a chiudere le scuole?

Vorrei tanto sbagliarmi, temo però che l’aumento dei contagi sarà una costante. Davanti a noi abbiamo il semetre freddo (novembre-aprile) e difficilmente la crescita esponenziale si interromperà. Dobbiiamo attendere il punto di non ritorno per chiudere? Sarà sufficiente la  nuova versione del lockdown (Coprifuoco notturno) per contenere l’avanzata del Covid-19, mentre di giorno aumenteranno le chiusure?