Posted in: Cyberbullismo

Convegno sul cyberbullismo, le conferme e le riflessioni

Convegno sul cyberbullismo
La famiglia e la scuola devono “riprendere per i capelli” i loro ragazzi


Il 15 novembre si è tenuto un  Convegno sul cyberbullismo. E’ stato presentato un importante rapporto. Tante conferme e qualche riflessione.

Un importante convegno

Qualche giorno fa si è svolto un importante convegno sul cyberbullismo. La sua specificità consiste nella presentazione del Rapporto Cyberbullismo e comportamenti in Rete dei ragazzi: un viaggio da nord a sud.”
La serietà scientifica del documento è garantita dal supporto di tre Università Italiane (Napoli, Roma, Milano) e dei Corecom  di Campania, Lazio e Lombardia.

Il profilo 2.0 dei nostri ragazzi

 Dallo studio Si ricevono solo conferme. Innanzitutto la presenza di una scuola parallela e sempre più invasiva, costituita dal Web. Grazie a questo ambiente si sta affermando progressivamente un’identità frammentaria, disimpegnata, anaffettiva e aprospettica. Il comune denominatore è l’alterazione del sé che si polverizza in profili contradditori, creati in relazione all’ambiente virtuale frequentato.  Ne emerge un conflitto interiore spesso vissuto in modo inconsapevole da parte dei nostri ragazzi. 
La frequentazione dei media sociali è determinante. Secondo il rapporto gli ambienti più frequentati  sono WhatsApp (37,3%), Facebook (36,5%) e Instagram (18,8%)

Le criticità nella navigazione

A questo si devono aggiungere la superficialità tecnologica, abbinata ad una certificata conoscenza delle procedure digitali, riguardante la navigazione in questi ambienti. 
Si legge nell’articolo “Le informazioni personali condivise sul profilo dalla maggioranza degli intervistati includono una foto che mostra chiaramente il proprio volto (73%), foto o video personali (72,2%), il cognome (64,7%), l’età vera (51,5%), mentre quasi la metà condivide la scuola frequentata (46,5%)…. Tra le pratiche comunicative online più rischiose messe in atto nell’ultimo anno, il 59,9% degli intervistati ha cercato nuovi amici sui social network, poco meno della metà (45,7%) ha aggiunto alla propria lista di contatti persone che non avevano incontrato faccia a faccia o inviato loro informazioni personali (30,9%).”

La famiglia e la scuola

Lascio a chi mi legge il resto dell’articolo. Il rapporto conferma implicitamente una richiesta: la famiglia e a scuola devono “riprendere per i capelli ” i loro ragazzi. Devono riappropriarsi in modo deciso del loro ruolo educativo. “Rompere” con la passività, la sudditanza verso la tecnologia. Devono mettersi davanti a loro, divenendo un punto di riferimento. Nello stesso tempo essere “accanto”, assumendo il ruolo di compagni di un viaggio verso un futuro che non  li deve vedere individualità “senza finestre” (T.Hobbes), ma soggetti con forti legami sociali reali, capaci di passare dall’Io ipertrofico e costituito dal  “flusso di sensazioni” (D.Hume), al “Noi”. Per questo passaggio è necessario che i nostri ragazzi imparino nuovamente  a stare accanto ai propri compagni, guardandoli “Occhi negli occhi” (R. Cocciante), interpretando  i loro sentimenti e cogliendo le le loro emozioni dal tono della loro voce… Impresa possibile solo se accanto a loro ci saranno dei “Maestri”  come i genitori o gli insegnanti, capaci di fermarsi e separarsi “dal logorio della  vita moderna” per guardarsi dentro.