Coronavirus ha messo a nudo la nostra fragilità ma anche…

Cronavirus ha messo a nido le nostre fragilità

Il coronavirus ha rimesso a posto le cose. Prima di tutto vengono le persone, poi la finanza, l’economia…

Coronavirus, l’epidemia si è imposta a livello mondiale. Da noi ha  favorito la riscoperta delle nostre fragilità e nel contempo ha rimesso a posto le cose. Iniziando dalle priorità. Penso al Servizio Sanitario Nazionale  e un pò anche alla Scuola.

Coronavirus sono saltati tutti gli scenari

Coronavuirus, è pandemia! Una pessima notizia. Ha fatto saltare il banco. Le previsioni a medio e lungo termine hanno rivelato la loro fragilità di fronte all’onnipotenza della realtà.
L’immagine di G. Leopardi (La ginestra) della natura matrigna che considera l’uomo al pari di altri viventi in questo particolare momento risulta particolarmente efficace. Siamo di fronte
all’ultimo esempio di uno sviluppo storico non guidato dall’uomo.  La storia ha un movimento proprio, non sempre decifrabile e quindi di difficile lettura. La presunta onnipotenza dell’uomo favorita dalla tecnica, espressione della sua volontà di potenza, è stata annichilita.
Nel periodo moderno si pensava che l’umanità potesse comprendere  la storia, pensandola come una realtà che ruotava intorno all’ . Hegel e Marx, Comte sono alcuni esempi di questa pretesa di intendere la storia come un prodotto dell’azione dell’uomo. E’ bastato un virus, un microrganismo per spezzare le gambe alla rappresentazione d’argilla costruita dall’uomo moderno

Coronavirus, sta esaltando i soggetti istituzionali  per la cura delle persone

Anche le situazioni peggiori, però presentano dei risvolti positivi. Alcuni si presentano su piani alti e complessi, quindi di non facile intercettazione e di riflessione per l’uomo contemporaneo abituato a vivere in superficie.
Scendendo di livello qualcosa è possibile percepire. Il Coronavirus ha rimescolato le carte, restituendoci la scala delle priorità che avevamo dimenticato. In cima si trova Il Servizio Sanitario Nazionale, espressione di un’eccellenza e abnegazione dimenticata dai tempi di Brunetta (“I fannulloni”) e dietro troviamo la scuola. Quest’ultima sta esprimendo un dinamismo (“Didattica a distanza”) sopito da anni di pratiche burocratiche e da scelte politiche di tagli e razionalizzazioni  scellerate
La Sanità e la Scuola sono due Istituzioni che non hanno rapporti diretti con la politica, il mondo finanziario ed economico, bensì con le persone reali che nell’emergenza esprimono quella domanda di condivisione azzerata dai profeti dei legami deboli,   delle monadi senza finestre.
Se non precipitiamo nell’abisso del Nulla, lo dobbiamo alla Sanità e alla Scuola.
Quando l’ermergenza passerà ce ne ricorderemo?