Posted in: Didattica a distanza

Didattica a distanza, tante critiche ma nessuna proposta valida

La didattica a distanza
La didattica a distanza sta ricevendo molte critiche. Gli oppositori, però…

La didattica a distanza  è entrata violentemente nel sistema scolastico. Molte sono le critiche. Non poteva essere diversamente, considerato lo strappo imposto dall’emergenza sanitaria. Gli oppositori, però non riescono a proporre alternative valide ed efficaci.

La didattica a distanza, rappresenta “uno strappo” per la scuola

La didattica a distanza (Dad) è stata imposta al sistema scolastico dall’emergenza sanitaria caratterizzata dal distanziamento sociale, attualmente l’unica arma efficace contro il Coronavirus. La Dad rappresenta uno strappo per la scuola. Fino al 4 marzo l’istituzione era riuscita a marginalizzare la Dad e in generale il digitale. La Dad, infatti era una pratica realizzata su base volontaria da una rappresentanza poco significativa di docenti.
In poche settimane si è assistito a una improvvisa accelerazione, permettendo alla Dad di raggiungere un grado di diffusione del 94%. Ha dichiarato la Ministra Lucia Azzolina: “circa il 93% delle scuole hanno compilato un questionario articolato in 21 domande. Dal rilevamento effettuato emergono dati significativi. Le istituzioni scolastiche che hanno attivato sistemi di didattica a distanza sono riuscite a coinvolgere circa il 94% degli studenti utilizzando molteplici strumenti e l’89% delle scuole ha predisposto specifici materiali per gli alunni con disabilità. I dati del monitoraggio confermano quindi una grande solidarietà della comunità scolastica, testimoniata dal 41% delle istituzioni interpellate che hanno attivato forme di collaborazione”

” ti piace giocare facile” non si è fatto attendere

Ovviamente le critiche non si sono fatte attendere. Era inevitabile una reazione da parte di un sistema poco incline a rinnovarsi, anche di fronte all’avanzare irreversibile del digitale che se non gestito consegnerà i nostri ragazzi alle logiche del mercato.
Le critiche più diffuse risultano leggere, carenti di concetti e idee  supportati da argomentazioni.  Ci si limita a battute, a offese… Strategia che può essere assimilata al giocare facile. Stesso discorso vale per chi distoglie il suo discorso dall’esigenza di una risposta credibile all’emergenza, puntando su un poco definito pensiero critico o non devo convincere nessuno.

Molte critiche sono argomentate

Di diverso tenore sono le critiche argomentate che si basano sull’ evaporazione del corpo e la caduta della relazionalità La scuola è un’istituzione ad alta densità sociale, dove l’apprendimento diventa significativo attraverso l’interazione e il confronto.
Questa dimensione è stata  ridimensionata dalla presenza delle classi pollaio o comunque dall’eccessivo numero di alunni per classe. Gli artefici di questa brillante operazione sono stati Gelmini e Tremonti (2008) che rispondendo al diktat del finanzcapitalismo (L. Gallino), hanno devastato pedagogicamente la scuola, attuando  la più significativa operazione di dimagrimento (8 miliardi di €). Da sempre il filosofo greco U. Galimberti dichiara che le classi educative sono tali solo se costituite da 12-15 alunni.
Altra critica è la riduzione dell’apprendimento ad addestramento che lascia fuori quello significativo. Infine si evidenziano le difficoltà di applicare la didattica ai più piccoli ( scuola dell’infanzia), evidenziandone anche le criticità sul versante dell’inclusione.

Chi non può essere d’accordo? gli oppositori difettano di alternative

Queste critiche sono fondate, esprimendo anche  un disagio, una difficoltà a coniugare la tradizione con  l’innovazione. Confermano, però anche  la sofferenza di molti docenti verso la tecnologia, intesa ancora come un accessorio della didattica e non come una realtà che deve pervaderla (ovviamente insieme ad altri approcci). L’obiettivo è facilmente raggiungibile se si sfruttano le potenzialità del 2.0.
Se si rimane però sul piano teorico, si rischia di non rispondere al nuovo quadro imposto dal Coronavirus. In questo momento  le chiacchiere e i ragionamenti valgono zero! Occorre rispondere e individuare un modello di scuola adeguato all’emergenza. E’ indispensabile garantire l’esser-ci della scuola in tempi di Coronavirus. Purtroppo agli oppositori manca la pars costruens caratterizzata dalla formulazione di proposte fattibili!
In attesa del vaccino che non sarà disponibile prima di 12-18 mesi,al momento l’unica alternativa alla Dad, è la turnazione. Se è questo che si vuole lo si dica, ma tenendo conto anche dei possibili rischi sanitari (difficoltà a rispettare il distanziamento sociale) e dei costi aggiuntivi richiesti dall’aumento dei docenti, soprattutto nelle scuole di secondo grado.