“I Giovani e il Web”, un sondaggio con tante conferme

 

I giovani e il web

Un sondaggio conferma il profilo 2.0 dei nostri ragazzi. Preoccupante, anche in rapporto al cyberbullismo.

“I Giovani e il Web”. Questo è il titolo di un sondaggio di ” Quotidiano Nazionale” effettuato qualche giorno fa ( 18-19 gennaio 2019) su un campione di mille giovani  di età compresa tra i 15 e i 18 anni.

La conferma del profilo Hikikomori

Alcune considerazioni. E’ confermata la fuoriuscita dei nostri ragazzi dal mondo, quindi il profilo “Hikikomori”, attraverso l’alta percentuale (38% ) di ragazzi connessi “sempre” al Web. Se il dato lo aggreghiamo a quello di ragazzi connessi “quasi sempre” (45%), allora siamo di fronte al contesto “onlife”(L. Floridi), dove la vita dei nostri ragazzi non è da intendere più come una contrapposizione tra il reale il virtuale. Quest’ultimo è da considerarsi la nuova dimensione che ha assorbito il vissuto concreto, o quanto meno lo modella in un processo continuo di dentro/fuori dai confini sempre più labili. Della realtà  concreta  rimane il corpo come involucro vuoto, privo dell’interiorità che non si suddivide più tra le due dimensioni. L”interiorità ormai risiede nel Web! Diversa da quella che noi  adulti abbiamo sempre conosciuto. Leggera, compulsiva anaffettiva, asocial, supportata dal pensiero irriflesso e condizionata da “qui ed ora”.  Profilo perseguito dai ragazzi, anche se si registra la consapevolezza (37%) che la tipologia di relazione li lascia insoddisfatti.
Occorre, infine, non farsi ingannare dai “luoghi” frequentati dagli adolescenti. Essi fanno riferimento ad una presenza fisica, che però quasi sempre è senz’anima, perché si è altrove.

Cyberbullismo, un dato poco reale

Nonostante il carattere anonimo del sondaggio, il dato che preoccupa è il timore diffuso a dichiararsi vittima dei cyberbulli (5%). Nel 2014 L’Istat ha svolto un’indagine certificando che tra i 14-17 anni ( età molto prossima a quella del sondaggio) le vittime dirette di bullismo online erano il 17,9%. Un’altra indagine condotta dalla Società italiana Pediatri  (SIP) certifica che il 12% degli studenti tra i 14 e i 18 anni è stato vittima di cyberbullismo.  Il limite di questi rilevamenti risiede nella dichiarazione spontanea degli adolescenti. Poco inclini a confidarsi con gli adulti o comunque a “mettere in piazza”  il loro coinvolgimento (Società Italiana dei Pediatri). La percentuale reale è sicuramente molto più alta ed è desumibile  dal dato indiretto del sondaggio  che indica nel 37% gli adolescenti che dichiara di aver assistito a fenomeni di bullismo online.

 

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.