Posted in: Patrizio Bianchi

Ministro Bianchi, non si faccia ammaliare dalla comunicazione spot

Ministro Bianchi
Il Ministro Bianchi rischia di farsi incantare dal meccanismo dell’annuncite. Parli dopo aver raggiunto gli obiettivi

Il Ministro Bianchi, rischia di farsi ammaliare dalla comunicazione spot. Proposta: parli dopo aver conseguito l’obiettivo. Occorre concentrarsi sull’attualità piuttosto che presentare scenari interessanti, ma poco praticabili.

Il Ministro Bianchi e la comunicazione spot

Il Ministro Bianchi ha fatto passare poche ore prima di rilasciare una serie di dichiarazioni. Eccone alcune: ” La scuola rappresenta il presidio dello Stato sul territorio e deve poter dialogare con le comunità locali. La comunità scolastica è viva più che mai e deve ritrovare il proprio orgoglio, avendo reagito alla pandemia con grande spirito di servizio e capacità di innovazione“, ” “Conosco la questione sull’arruolamento, con le carte in mano arriveremo presto a formulare atti“. E per finire “Riporteremo gli studenti in classe, come abbiamo riaperto le scuole in Emilia dopo il terremoto del 2012. Gli istituti a pezzi erano centinaia, allora. La sicurezza delle scuole, sia pandemica che strutturale, sarà un punto forte del mio mandato. Riporteremo i ragazzi in classe con la giusta cautela e gli investimenti del Recovery Fund”.
Devo purtroppo registrare che il Ministro Patrizio Bianchi sta entrando nel meccanismo della comunicazione spot. In altri termini, si sta facendo ammaliare dall’ annuncite, dalla proclamite. Il nuovo premier M. Draghi, aveva invitato i Ministri a parlare con i fatti e invece…

Occorre gestire la convivenza con il Covid-19, scendere di livello

Comprendo il Ministro, come del resto hanno fatto i precedenti a ipotizzare soluzioni per le grandi questioni: inclusività, valutazione dei docenti, qualità della proposta formativa… in questo  momento, però occorre scendere di molti gradini e guardare in faccia la realtà. La scuola, come del resto tutto il Paese, deve riuscire a gestire ancora meglio la sua convivenza con il virus. Del resto il primo provvedimento in accordo con M. Draghi, è stata la chiusura degli impianti sciistici.
E’ necessario ripartire dal lavoro svolto da Lucia Azzolina, come ha del resto ammesso Patrizio Bianchi.
Per quanto riguarda la scuola occorre gestire in modo efficace le vaccinazioni, organizzare meglio i trasporti in accordo con le Regioni, fornire mascherine più protettive…
E’ necessario pensare al prossimo anno, che temo sarà ancora emergenziale per via dell’assenza di un vaccino per gli under 16 e per l’aumento delle varianti del virus cinese. Tutto il resto e riguardanti i livelli alti ( formazione, valutazione, qualità) verrà dopo aver tirato su le dighe contro il virus e le sue mutazioni.