Posted in: Patrizio Bianchi

Patrizio Bianchi e la discontinuità che non piace

Patrizio Bianchi
Patrizio Bianchi. Inizia a trapelare qualcosa del suo Piano scuola. Non positiva l’idea di prolungare le lezioni nella primaria.

Patrizio Bianchi, inizia a trapelare qualcosa del suo Piano-scuola in tempi di Covid. Esami di maturità e  scuole primarie aperte fino al 30 giugno. L’ipotesi (quest’ultima)  risulta distante rispetto  alla realtà e con problemi economici. La discontinuità deve puntare ad altro.

Patrizio Bianchi, primi cenni del suo piano scuola

Patrizio Bianchi nuovo Ministro dell’Istruzione ha finora rilasciato molte interviste. A mio parere troppe e l’ho anche spiegato. Finalmente iniziano a trapelare le prime informazioni del suo Piano-scuola in tempi di pandemia.
Praticamente c’è una riconferma dell’esame di maturità rispetto alla proposta di Lucia Azzolina. Sarà orale e partirà da un elaborato, invece che da una tesina. Questione nominale. Sostanzialmente è sempre uno scritto. Confermata la commissione interna. L’ipotesi di un copia/incolla della proposta Azzolina è confermata anche dal quotidiano ItaliaOggi.
L’attenzione, però intendo rivolgerla all’ipotesi di prolungare le lezioni alla scuola primaria fino al 30 giugno. Si legge su Il Corriere della Sera (23 febbraio) “Resta la questione delle scuole primarie: già lo scorso anno si era parlato di riaprirle per il mese di giugno, di dare ai genitori un po’ di respiro organizzando attività per i bambini — non vere e proprie lezioni ma attività ludiche e di recupero insieme — che permettano appunto anche di ristabilire «un po’ di socialità». Si tratta per ora di un’ipotesi non discussa ufficialmente ma della quale si parlerà nelle prossime settimane e che potrebbe essere lasciata ai presidi nell’ambito della loro autonomia.”
L’ipotesi è pienamente coerente con quanto dichiarato dal neo Ministro sulla perdita di socialità dovuta alla Dad. Qui però intendo ribadire un dato di fatto: le scuole primarie e non solo hanno garantito in quasi tutte le Regioni (eccezioni Puglia e Campania) una continuità in presenza. Ne consegue che è stata fatta salva la socialità. Certamente limitata per via delle mascherine e del distanziamento con i banchi monoposto. Quindi decade il motivazione di un recupero di socialità.
Se l’ipotesi dovesse diventare realtà occorre pensare all’aspetto economico. In altri termini bisognerà retribuire i docenti. Lo scrive su ItaliaOggi A. Di Geronimo: “L’eventuale proroga, infatti, non farebbe venir meno la clausola d’uso, inserita per via consuetudinaria nei contratti individuali di lavoro dei docenti per effetto dell’art. 2087 del codice civile, che non prevede la possibilità, in capo al datore di lavoro, di prorogare unilateralmente il termine finale della prestazione di insegnamento… non potrebbe prescindere dal fatto che, al crescere della quantità della prestazione dovrebbe corrispondere anche un proporzionale aumento della retribuzione (art.36 Cost.). E in ogni caso il nostro ordinamento vieta il lavoro gratuito o sottopagato

Occorre una diversa discontinuità

Recita un proverbio: “Se il buongiorno si vede dal mattino…“. L’ipotesi dell’allungamento delle lezioni al 30 giugno rappresenta una discontinuità rispetto al precedente governo. Lucia Azzolina, infatti  aveva ipotizzato un proseguimento limitatamente però alle scuole superiori, maggiormente penalizzate dalla Dad.
Ora occorre dire che il Ministro si è impegnato a riattivare la concertazione tra i sindacati e  il personale scolastico prima di prendere qualunque decisione.
Tuttavia è necessario ribadire che non è questa la discontinuità che ci attendiamo dal Ministro. Ho scritto un contributo per ScuolaInforma, attraverso il quale ho invitato il Ministro a rivedere i criteri per la definizione degli organici 2021-22, ingabbiati nella logica del D.P.R.81/09. Inoltre, ” occorre gestire in modo efficace le vaccinazioni, organizzare meglio i trasporti in accordo con le Regioni, fornire mascherine più protettive. E’ necessario pensare al prossimo anno, che temo sarà ancora emergenziale per via dell’assenza di un vaccino per gli under 16 e per l’aumento delle varianti del virus cinese“. Infine, occorre partire dall’assunto che la scuola la fanno gli insegnanti. Pertanto urge un provvedimento che liberi il personale della scuola dal D.Lvo 29/93 che impone aumenti contrattuali non superiori all’inflazione programmata.
Questi sono alcuni esempi di una discontinuità con alta probabilità di venire ben accolta dalla scuola.