Rientro a scuola ottimale, siamo di fronte all’impossibile quadratura del cerchio

Rientro scuola

Rientro a scuola, forte è la richiesta per la soluzione ottimale. Sarà impossibile curare in pochi mesi il malato grave.

Rientro a scuola ottimale, sarà molto difficile se non impossibile conseguire l’obiettivo. Un malato grave necessità di un  periodo molto lungo per la completa riabilitazione. Occorrerà accettare il principio di realtà di una scuola minimale e complicata.

Rientro a scuola ottimale, un bel sogno!

Rientro a scuola ottimale, sarà molto difficile se non impossibile conseguire l’obiettivo. Molti docenti, genitori e studenti lo sperano e spingono in tal senso.  Il movimento “Priorità alla scuola”, rappresenta la punta dell’iceberg di una richiesta di rimettere al centro la scuola, dopo anni in cui l’istituzione scolastica è stata percepita come una spesa, un bancomat dal quale prelevare risorse (ad esempio gli 8 miliardi di € della Riforma Gelmini votata anche dalla Lega Nord) per il risanamento delle finanze pubbliche.
Interessanti le loro richieste:
1) drastica riduzione degli alunni per rispettare il distanziamento fisico
2) Ritorno a scuola tutti in presenza e quindi no secco alla Dad
3) Conferma dell’orario pieno per l’apprendimento
4) contrarietà ai doppi turni.
5) Grandi investimenti sull’edilizia scolastica
Per conseguire questi obiettivi occorre un paziente con un raffreddore o una banale influenza. Purtroppo la scuola, prima del Covid-19 veniva proposta con una poco invidiabile immagine di un malato terminale o nella ipotesi migliore affetto da una grave malattia curabile, però con tempi lunghi. Questi, ovviamente non possono essere riconducibili ai due mesi che intercorrono alla riapertura delle scuole a settembre. Ne è un esempio la difficoltà di azzerare immediatamente la presenza delle classi pollaio.

I Dirigenti Scolastici e i docenti confermano le tante difficoltà

L’estate 2020 sarà ricordata dai Dirigenti Scolastici e da molti docenti come un periodo di lavoro, nonostante che molti di essi siano formalmente in ferie.  Mi riferisco soprattutto agli insegnanti che affiancano i Presidi nella impossibile quadratura del cerchio, che significa ripartenza della scuola con la configurazione pre-Covid-19. Essi stanno constatando la difficoltà di reperire locali aggiuntivi o di averli dagli Enti Locali, la consapevolezza che la richiesta di un numero  maggiore  di collaboratori scolastici insegnanti difficilmente sarà accolta. Ovviamente questo impegno difficilmente diventerà notizia. E’ molto più semplice ripetere il disco rotto dell’apertura delle scuole in estate e delle tante vacanze per i fortunati docenti.
Tornando però alle difficoltà queste sono confermate in un articolo di A. Giuliani che dopo aver ipotizzato un rientro con le lezioni a orario settimanale ridotto riporta una dichiarazione di Giannelli (ANP)” se si dividessero in due gruppi gli alunni di una classe, sarebbe necessario disporre non solo di un’aula in più, ma anche di un docente (nella scuola primaria) o di un docente per ogni disciplina (nella scuola secondaria) in aggiunta. In ogni caso, sarà necessario incrementare la consistenza dell’organico dei collaboratori scolastici per fare fronte alla maggiore frequenza con cui saranno puliti gli ambienti.”