Rientro a scuola, i primi dati sono preoccupanti

Rientro a scuola

Rientro a scuola, dopo pochi giorni i dati non sono incoraggianti. Lo scenario è destinato a peggiorare.

Rientro a scuola, pochi giorni dopo abbiamo dei dati che già preoccupano. A breve avremo  avremo dei numeri  e delle percentuali che ci diranno molto.

Rientro a scuola, i primi dati preoccupano

Rientro a scuola, abbiamo i primi dati. Non sono confortanti se pensiamo che non siamo ancora a ottobre, novembre…
Sono 638 i contagi dalla riapertura dell’anno scolastico. Interessate 561 scuole, circa il 32% superiori. Infettati soprattutto studenti, che rappresentano il 74% dei casi Covid rispetto al 13% dei docenti e un ulteriore 13% di personale scolastico. Chiuso circa il 15% delle scuole colpite dal coronavirus. ” (ItaliaOggi 29.09.20)
Professione Insegnante noto portale e social network conferma la situazione:
A due settimane dall’apertura delle scuole si moltiplicano i casi di contagi e ad oggi, 28 settembre sono quasi 700 con oltre 80 scuole chiuse pari all’1% delle scuole italiane.”
Ieri il Mi ha avviato un monitoraggio che rilevi la mappa dei contagi  nelle scuole e quali sono state le misure organizzative attuate da ogni istituto scolastico. Si chiuderà oggi e quindi a breve conosceremo la situazione.
Il monitoraggio “consentirà di ottenere una rappresentazione specifica della situazione a livello nazionale e territoriale». Quattro le sezioni in cui sono articolati i quesiti: rinvio apertura scolastica per elezioni/referendum o per ordinanza dell’autorità pubblica; personale docente, non docente e studenti per i quali è stata accertata positività al covid-19; personale docente, non docente e studenti per i quali è stata disposta la misura della quarantena; sospensione dell’attività didattica in presenza quale misura adottata per affrontare accertati casi di contagio da Covid-19.” (ItaliaOggi 29.09.20)

Breve considerazione

I primi dati non lasciano molto spazio all’ottimismo. Siamo ancora a fine settembre. Sicuramente nei prossimi mesi lo scenario non potrà essere migliore. La diffusione di raffreddori, tossi, influenze  favoriti dal semestre freddo rappresenteranno lo scenario certo con il quale dovremo convivere. Quanti di questi nasconderanno il Covid-19?  Sicuramente il valore in percentuale dei contagiati è destinato a salire. Si riuscirà a mantenerlo sotto la soglia  critica per il sistema sanitario? Ad oggi è difficile ipotizzare il grado di resilienza per la scuola di fronte a un inevitabile rialzo che non comprometta in modo significativo la formazione, ridotta quest’anno a semplice trasmissione di contenuti.
Le prossime settimane ci daranno numeri e percentuali. Da questi potremo capire molto.