1 Agosto 2021

Riapertura delle scuole, il memo di Lucia Azzolina

By Gianfranco
Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole, l’ex Ministro L. Azzolina critica duramente il piano scuole del governo Draghi

Riapertura delle scuole, il governo ha presentato il Piano per settembre. Molto timido, rispetto all’impegno anche finanziario del governo Conte 2. Lo ricorda Lucia Azzolina

Riapertura delle scuole, L. Azzolina ricorda il suo impegno

Riapertura delle scuole. Qualche giorno fa il Ministro Bianchi ha reso pubblica la bozza del Piano scuola 2021-22. Molta delusione! La classe, cuore della scuola è praticamente ignorata. Si torna alle classi pollaio. La decisione pare certa, supportata anche dal Cts che ritiene le mascherine sufficienti per garantire la sicurezza, anche in situazioni critiche. A questo aggiungo che “Per consentire alle istituzioni scolastiche la pianificazione flessibile di tempi e spazi necessari a garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività scolastiche in presenza, l’art. 58, comma 4-ter, della legge – 23 luglio 2021, 106 – di conversione del decreto “Sostegni bis”, destina la quota non spesa dell’analogo finanziamento per l’a.s. 2020-2021 a: “a) ad attivare ulteriori incarichi temporanei di personale docente con contratto a tempo determinato, dalla data di presa di servizio fino al 30 dicembre 2021, finalizzati al recupero degli apprendimenti, da impiegare in base alle esigenze delle istituzioni scolastiche nell’ambito della loro autonomia.”
Ovviamente la Ministra Azzolina non accetta la soluzione minimale. “Era il mese di maggio dell’anno scorso  quando ci accusarono di essere in ritardo con il piano per la ripartenza della scuola. Il piano venne poi fatto a giugno, coinvolgendo tutti, le Regioni, i sindacati, gli studenti, i genitori, tutti quanti.’ Ora siamo a fine luglio – prosegue l’ex ministra – e il piano per la riapertura della scuola non c’è ancora: è stato rimandato di una settimana e arriveremo ad agosto. La cosa che più mi fa preoccupare, però, è che noi avevamo investito due miliardi di euro per assumere più docenti e personale ATA e far sì che le classi fossero meno affollate. Ora, quei soldi non ci sono più. L’anno scorso, inoltre, eravamo riusciti a creare 40mila aule in più”