Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Abolizione classi pollaio, il punto debole dell’emendamento della senatrice Nugnes

Le classi pollaio
Abolizione classi pollaio non se ne farà nulla. Bocciato l’emendamento di P. Nugnes. La probabile ragione.

Abolizione delle classi pollaio, altra fumata nera. L’emendamento della senatrice Nugnes (Prc) è stato respinto. Non ne conosciamo il motivo. Sicuramente il superamento delle classi pollaio non può essere affidato al Programma Next Generation EU.

Abolizione delle classi pollaio, la bocciatura dell’emendamento della Senatrice Nugnes

Abolizione delle classi pollaio è ancora fumata nera. L’ultimo tentativo rappresentato dall’emendamento della Senatrice Nugnes (Prc) è stato respinto. Cosa proponeva? Ecco il testo

Breve storia delle classi pollaio

Ottima la proposta! Non può essere diversamente da parte di chi scrive e dei tanti docenti che fanno quotidianamente l’esperienza antipedagogica delle classi pollaio.
Avevo apprezzato l’attuale Ministra L. Azzolina quando aveva presentato una proposta di legge (5 luglio 2018) per la loro abolizione. Purtroppo l’iniziativa aveva un punto critico: la copertura economica. Servivano in un triennio più di cinque miliardi in spesa corrente. Elemento evidenziato dagli interventi di V. Aprea (FI) e di A. Ascani (Pd).
Quattro mesi fa L. Azzolina puntava sulle risorse del Recovery fun per la loro abolizione. Dichiarava: “L’Italia ha oggi a disposizione uno strumento, il Recovery Fund, che consente di guardare al futuro del Paese con visione e speranza. Abbiamo l’occasione storica di farlo, rimettendo al centro la scuolaLavoreremo per la riduzione del numero di alunni per classe. Non possiamo più permetterci classi sovraffollate, volgarmente dette classi pollaio.
Qualche settimana fa La Ministra ha abbandonato il riferimento al piano Marshall europeo. A fine novembre dichiarava : “Già nel 2020-21 non ci sono stati tagli nell’organico malgrado la denatalità e anche per l’anno scolastico 2021-2022 i tagli non ci saranno: quindi con un organico invariato… e con un numero di alunni decrescente, nel corso di pochi anni riusciremo a ritornare ai parametri pre-Gelmini e quindi a non avere più classi così sovraffollate come adesso”

 

Non può essere il Recovery fun ad abolirle

Occorre riflettere sulla nuova dichiarazione della Ministra per comprendere il punto debole dell’emendamento della Senatrice P. Nugnes
In sintesi, non può essere il Programma Next generation EU lo strumento finanziario per la loro abolizione, come proposto dall’emendamento della Senatrice P. Nugnes.
A fine luglio scrivevo per Scuolainforma: “il Recovery Fund mette a disposizione risorse una tantum. Quindi saranno possibili solo investimenti, ma non spese correnti…Il Recovery Fund potrà intervenire sulla prima, facilitando la costruzione di nuovi edifici scolastici e la la messa in sicurezza di quelli dismessi, ma ancora presenti nei territori. In questo caso si tratterebbe di investimenti. Nulla potrà fare invece, sul versante delle migliaia di nuove assunzioni, in quanto gli stipendi rientrano tra le spese correnti che vanno oltre l’investimento limitato nel tempo.”
Da qui la domanda: sarebbe cambiato l’esito se si facevano a risorse interne e durevoli nel tempo? Non credo. Il motivo? Abbiamo un debito pubblico che causa la pandemia ormai è al 180% del Pil.
Risultato: le classi pollaio rimarranno e purtroppo se dovesse esserci un nuova emergenza la scuola si presenterà con le sue fragilità.