Posted in: Contratto scuola, Tutti gli articoli

Adeguamento dell’età pensionabile, necessita di una nuova fascia

adeguamento dell'età pensionabile
Gli insegnanti dovranno accontentarsi di una pensione con pochi spiccioli?


Il possibile adeguamento dell’età pensionabile (2019) complica ancora di più la vertenza contrattuale. Ai già noti problemi che girano intorno al misero aumento e al ritorno nell’ambito del contratto di contenuti, si aggiunge il riordino degli scatti di anzianità.

L’adeguamento dell’età pensionabile

L’Istat ha certificato che le le aspettative  medie di vita si sono allungate di cinque mesi. Da qui la probabile decisione di aggiornare la soglia per la pensione di anzianità: 43 anni e tre mesi per gli uomini e 42 anni e tre mesi per le donne.

Tutto bene? non direi.

Questa possibile decisione ha delle conseguenze sulla vertenza contrattuale del pubblico impiego.
Mi spiego. La carriera del docente è caratterizzata da una progressione stipendiale divisa per fasce. Se si esclude la prima, queste hanno durata variabile che oscilla tra i cinque-sette anni. 
Si veda tabella qui sotto (Incrementi mensili lordo dipendente in funzione dell’anzianità di servizio) 

Qui intendo riflettere sull’ultima, perché è in stretta relazione con il possibile adeguamento dell’età pensionabile.
L’ultima fascia era la più breve, prima della riforma Fornero. In prospettiva rischia di diventare la più lunga, in quanto, la suddetta legge prevede periodicamente un possibile adeguamento (dopo il 2019 la rilevazione Istat sarà biennale). Attualmente l’ultima fascia si è allungata di un anno per le donne e di due per gli uomini. Probabilmente arriverà a sette- otto nel 2019. E poi…

Proposta: aggiornare l’ultima fascia di progressione

Sul versante aumento i giochi sono ormai fatti, grazie alla pessima scelta del sindacato di firmare il 30 novembre 2016 un’intesa fortemente penalizzante per gli insegnanti e il pubbligo impiego ( leggi Contratto economico, “era già tutto previsto”).
La partita, invece, è ancora aperta sul versante delle fasce di progressione stipendiale. 
Avanzo una proposta: blindare l’attuale ultima fascia  a cinque anni, seguita da una nuova mini-fascia elastica che si adegua all’adeguamento dell’età pensionabile. 
In questo modo si eviterebbe di uscire dal mondo del lavoro  fortemente penalizzati, grazie ad aumenti irrisori e a progressioni stipendiali non più in sintonia con gli adeguamento dell’età pensionabile.

Esistono le condizioni?

Per ottenere questo risultato dovremmo avere un sindacato con la schiena dritta e adeguate capacità  ad una trattattiva che può prevedere anche la rottura. 
Ci sono queste condizioni? E’ difficile con questo sindacato che dietro l’abbaglio di una revisione della “Brunetta”, ha sottoscritto un’intesa economica dichiaratamente offensiva per il pubbligo impiego.
E non mi meraviglierei se questo sindacato firmasse un contratto privo anche degli scatti stipendiali. Se questo diventerà realtà, “Cui prodest?”
Brutta storia!