Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Alla prevedibile mossa di Renzi si risponde…

cesare2

Immediata la risposta del Premier Renzi allo sciopero indetto dalle  maggiori organizzazioni sindacali il 5 maggio: “Farebbe ridere, se non fosse un giorno triste, scioperare contro un governo che sta assumendo centomila insegnanti, il più grande investimento fatto da un governo nella scuola italiana… Deve essere chiaro che noi non lasceremo la scuola ai sindacati  la scuola è delle famiglie e degli studenti” Evidente la strategia di Renzi: Divide et impera. In altre parole, gli strateghi del Premier hanno suggerito di impostare il contrattacco sulla doppia divisione: tra i docenti e tra la scuola e la società. Con il primo  obiettivo Il Presidente del Consiglio intende depotenziare lo sciopero, creando le precondizioni per una lotta intracategoria. Già qualche docente precario ha dichiarato “ Renzi è un ottimo Premier, perché stabilizzerà la mia situazione giuridica, quindi non sciopererò”. A questo segue la strategia di isolare  la scuola, cioè togliergli il consenso sociale, facendo emergere le rivendicazioni corporative della protesta. Come rispondere  a questa doppia strategia del potere, il quale non è mai sprovveduto o istintivo   – la serie House of Cards docet -? Innanzitutto svelando il trucco dei centomila. Si legga a tal proposito il mio intervento http://maestroscialpi.altervista.org/opnioni/la-melina-del-governo-sulla-riforma-della-scuola/ Chiedendo poi di abolire le classi pollaio. In questo modo si propone qualcosa di non corporativo, cioè che sta dalla parte degli studenti e delle famiglie. In altre parole della formazione. A tal proposito si legga  http://maestroscialpi.altervista.http://maestroscialpi.altervista.org/opnioni/la-melina-del-governo-sulla-riforma-della-scuola/org/opnioni/1818-2/