Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Aumenti contrattuali (PD), esempi del vuoto comunicativo

Aumenti contrattuali
Aumenti contrattuali, Zingaretti e Sgambato riprendono la strategia del ” disco rotto”. Si propone una diversa scaletta

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato sono vuote.
Anno nuovo o quasi, vecchie strategie! Logore e monotone che non funzionano più! Propongo un diverso approccio comunicativo.

Aumenti contrattuali (PD), le dichiarazioni di N. Zingaretti e C. Sgambato

Aumenti contrattuali, riprende il corteggiamento dei docenti, anche in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna (gennaio 2020). Strategia che probabilmente rende, considerato l’appiattimento culturale,  sideralmente lontano dall’approfondimento e dalla riflessione sulla notizia. Purtroppo anche i docenti  ne sono vittime.
Comunque ecco le dichiarazioni.
Il 2020 dovrà essere l’anno di un nuovo vocabolario civile e con politiche di vera ricostruzione“, iniziando dall’aumento degli stipendi per i docenti. (N. Zingaretti).
Gli fa eco C. Sgambato (Responsabile scuola del PD) che definisce l’obiettivo degli stipendi più alti per gli insegnanti “un punto non più rinviabile… per recuperare la dignità e l’importanza che questi professionisti meritano. (vi diremo prestissimo dove sono le risorse). È una questione di scelte. E noi sceglieremo.”

Ormai sono “dischi rotti”

Prendo ad esempio l’immagine del “disco rotto”. Si ripete lo stesso contenuto, diventando  monotoni. N. Zingaretti ha iniziato a farlo da maggio, mese della pubblicazione del suo libro “Piazza Grande” (Feltrinelli 2019). A pag. 102 si legge: “I docenti italiani hanno stipendi tra i più bassi d’Europa: dobbiamo pagarli meglio e migliorare il loro status”.
Gli fa eco C. Sgambato (agosto 2019), avendo il coraggio o la poca avvedutezza  di definire l’aumento: “Inoltre, vogliamo trovare le risorse necessarie per l’aumento degli stipendi dei docenti fino a 2.150 euro netti l’anno.”
Per inciso l’On. C. Sgambato, che prima di tutto è un’insegnante e quindi dovrebbe conoscere il malessere dei docenti, è impegnata da agosto a reperire risorse!

Propongo un diverso metodo

Che dire? Queste dichiarazioni producono solo rabbia! Si ha la netta impressione di essere presi in giro!
Propongo a N. Zingaretti e C. Sgambato una diversa scaletta: rilasciare dichiarazioni dopo aver conseguito l’obiettivo, iniziando con una proposta legislativa che liberi la scuola dalla gabbia del D.Lvo 29/93, il quale ha favorito il processo di impiegatizzazione dell’intero sistema formativo. Se non si parte da questo si resta nell’indeterminatezza delle dichiarazioni. In altri termini, nel vuoto e nella presa in giro. E la scuola non merita questo se come scrive N. Zingaretti ” deve tornare a essere uno straordinario presidio sociale, la principale arma contro le disuguaglianze, capace di offrire a bambini e ai ragazzi, una possibilità non solo di crescita, ma di riscatto“.
In alternativa è meglio il silenzio!