Posted in: Esperienze, Opinioni, Tutti gli articoli

Avevo bisogno di…

stop
Quest’anno è stato personalmente molto impegnativo: la cura del blog, la scrittura di più di 20 articoli apparsi su tecnicadellascuola.it e fuoriregistro.it, la conduzione del corso di preparazione agli esami Ecdl, l’incontro sulla sicurezza dei ragazzi nel web… Alcuni  impegni sono stati condizionati dalle scadenze ravvicinate e spesso quasi sovrapposte con altri compiti.  E questo ha comportato ore piccole,  consultazione frenetica di testi, individuazione di un percorso progettuale originale e proposta di punti “forza” attraenti per i fruitori.    Altre volte la scadenza era legata alla necessità di mantenersi dietro la scia della “freschezza” della notizia. Tutto questo ha i suoi vantaggi: aggiornamento, capacità di lavorare sotto stress… Ma ha i suoi svantaggi: il particolare rappresentato dal contenuto del corso, dalla notizia ti fa perdere il contesto che spesso dà  senso all’elemento. In altri termini: rischi di perdere i grandi movimenti della storia o del nostro contesto post-moderno che “partoriscono”  molti particolari che fanno parte della tua quotidianità
A metà luglio, pertanto, ho deciso di “scomparire” per fare altro. Innanzi tutto mi sono riposato, guardando il mare, facendo tante passeggiate o andando al cinema con mia moglie, tante vasche in piscina e qualche corsa. Tutto questo è stato condito da letture “alte”, ” impegnative” o dall’ascolto di conferenze ( Mp3 ) che mi dessero la possibilità di riprendere il contatto con il contesto che dà senso ai fatti quotidiani e non solo. Parlo di testi di D.Fusaro, A. Bagnai, U. Galimberti, Z. Baumann.
Ora sono pronto per ripartire ( senza fretta ) per affrontare le nuove sfide che sicuramente il nuovo anno mi proporrà.