Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Camilla Sgambato (Pd), il programma per la scuola?

Camilla Sgambato
Camilla Sgambato rilascia un’ intervista, che però chiarisce poco.

Camilla Sgambato, responsabile scuola del Pd rilascia un’intervista. Molto interessante perché anticipa alcuni temi cari al Partito Democratico. Resta il totem della L.107/15, mentre è assente la priorità del M5s.

Camilla Sgambato, una intervista molto interessante

Camilla Sgambato, insegnante, deputato e responsabile scuola del Pd ha rilasciato un’intervista molto interessante. Utile per capire quali sono i temi scolastici  che il  Partito Democratico intende realizzare con il nuovo governo,  definendo le convergenze o  le divergenze con il M5s.
Come sempre lasciamo la parola al documento (intervista). Ecco i passaggi più importanti:
La nostra principale proposta riguarderà l’azzeramento dei costi dell’istruzione a tutte le famiglie italiane con redditi medio-bassi, dall’asilo nido all’Università. Questo provvedimento costa 1,5 miliardi di euro. Un terzo di quanto previsto per il primo anno di applicazione di quota 100.
Inoltre, vogliamo trovare le risorse necessarie per l’aumento degli stipendi dei docenti fino a 2.150 euro netti l’annoSarò molto chiara. Io non farò nessuna abiura rispetto alla buona scuola anche se, tuttavia, non ho alcuna remora a individuarne gli errori. Molte proposte andavano nella direzione di rafforzare l’autonomia. Ma erano cose che andavano fatte con maggiore condivisione e minore fretta.
L’organico di potenziamento e la chiamata per competenze andavano gestiti molto meglio.”

Qualche breve considerazione

Interessante la proposta di aumentare gli stipendi dei docenti che converge con  il punto 10 del programma pentastellato proposto da Di Maio. Purtroppo, però manca di concretezza. Scrivevo l’altro giorno” Per portare lo stipendio di tutti i docenti fino a 2150 netti occorreranno sicuramente  diversi miliardi di €. A questo occorre aggiungere anche che per conseguire l’obiettivo (difficilmente realizzabile) è necessario sganciare il contratto della scuola dal comparto pubblico, governato dal D.lvo 29/93 che impedisce aumenti superiori al tasso d’inflazione programmato. Il rischio però è creare l’effetto a cascata. Difficilmente, infatti, gli altri comparti del pubblico impiego accetterebbero la nuova situazione con il rischio di far saltare il banco. ”
Altro problema è la conferma della Legge 107/15. Di Maio non la cita nel punto 10. Dimenticanza oppure la “Buona  Scuola” è considerata intoccabile anche dal M5s?
Preoccupa la dimenticanza dell’On. C. Sgambato sulle classi pollaio. Mi auguro che non nasconda l’intenzione di mantenere questa iattura organizzativa. In questo caso come reagirà il M5s?
Insomma l’intervista invece di chiarire, e definire percorsi certi, confonde aumentando il clima di incertezza che da troppo tempo circonda la scuola.