Posted in: Legge 107/05, Opinioni

Carrozza? Carrozza chi?

“E lo ripeto: io penserò soprattutto a loro. Prima i bambini e le bambine, gli studenti  e le studentesse, poi tutto il resto. Per far questo dobbiamo ritrovare nei i docenti e nei maestri e nelle maestre i nostri migliori alleati nel cammino del cambiamento non nel guardare indietro” Questo ha scritto D. Faraoni  , nuovo responsabile scuola e del Welfare del Partito democratico sul sito “scuola Oggi” Dichiarazione che rimette al centro del dibattitto sulla scuola, l’aula con i suoi protagonisti: gli studenti e i docenti. Questo pensiero è lontano anni-luce dalla posizione di Maria Chiara Carrozza. Il Ministro, infatti, nell’annunciare la Costituente della scuola ha dichiarato che intende coinvolgere una serie di soggetti “incompetenti d’aula”  come  gli intellettuali.   Ora se queste sono le posizioni, a Renzi non resta che ripetere la doppia domanda che ha costretto il “bersaniano” Fassina a dimettersi: “Carrozza? Carrozza chi?” e attendere una levata di orgoglio del Ministro “bersaniano”. Non lo farà, perché ha bisogno delle luci del palcoscenico per far carriera politica ( Gelmini docet).
Ma ammettiamo per un momento che riesca a convincere l’On. Carrozza alle dimissioni, a  Renzi  per completare l’opera toccherà  una missione quasi impossibile: “riprendersi la fiducia dei docenti”, attualmente molto disillusi e  arrabbiati – uso un termine molto educato, ma che non “fotografa” lo stato d’animo degli insegnanti. Come? Costringendo il governo a rimediare all’ingiustizia della restituzione dei compensi legati allo scatto d’anzianità ( 2013 ), ad aprire la trattativa per un contratto economico europeo – occorre però un nuovo decreto che superi il “Decreto-scuola” –  e a ripristinare la norma contrattuale degli scatti d’anzianità per tutti… La vedo dura!!! I motivi li ho esposti in un altro articolo  su questo blog – “Renzi: risparmi, non investimenti”.  Ma se il nuovo segretario riuscirà a far “saltare il banco”  in tempi brevissimi, conseguirà l’obiettivo di avere nuovamente accanto a sé i migliori  alleati per una scuola di qualità: gli insegnanti!!!