Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Censis: I media tra elite e popolo

censis

Sono diversi anni che seguo le pubblicazioni del Censis. In primis  i Rapporti annuali.
Questa opportunità ( il materiale è proposto sempre in ampie sintesi )  non costa nulla occorre solo creare un profilo presso il loro sito. Consiglio a tutti queste letture che consentono di andare oltre i fatti, le increspature o per dirla con Hegel di osservare la foresta e non il singolo albero.
L’ultima ricerca riguarda ” I Media tra elite e popolo“. Il lavoro è denso di tabelle, grafici percentuali che ci permettono di comprendere la “liquidità” del rapporto tra gli italiani e i media, la frattura intergenerazionale…  Emerge tra tutti la massiccia diffusione degli smartphone,  Un paragrafo importante è dedicato alla fruizione dei social network. Tutto questo sta favorendo il fenomeno della disintermediazione. In altri termini la persona cerca direttamente le informazioni ( finanziarie, culturali, divertimento, tempo libero…) che gli interessano, utilizzando anche le tante app disponibili.
” Nell’epoca della disintermediazione digitale, app e startup stanno rimodellando abitudini e comportamenti quotidiani. Non soltanto perché ormai il 40,6% degli internauti italiani controlla i movimenti del conto corrente bancario via internet, praticando personalmente l’home banking (il 3,8% in più in un anno), il 36% si dedica senza interposta persona all’e-commerce (+5,3% rispetto all’anno scorso), il 14,9% sbriga online le pratiche burocratiche con gli uffici pubblici (+2,5%), il 14,8% organizza i viaggi sul web (+5,5%) e l’8,3% prenota le visite mediche via internet (+3,2%) (tab. 5).”
La ricerca ci permette di comprendere gli usi, e di intuire  i relativi i cambiamenti psicologici e sociali dei nostri “nativi digitali” o ” diversamente sapiens”.