Classi pollaio, l’autogol di M. Stella Gelmini

Classi pollaio

M. Stella Gelmini non finisce di stupire. L’altro giorno ha definito magistralmente le classi pollaio.

Classi pollaio, un’invenzione del duo Gelmini/Tremonti (2008-09), espressione di un finanzcapitalismo entrato a gamba tesa nel sistema scolastico. La migliore definizione è fornita inconsapevolmente da uno suoi ideatori: M. Stella Gelmini!

Classi pollaio, la migliore definizione proviene da M.S. Gelmini

Le classi pollaio hanno dieci anni! Sono riuscite a condizionare pesantemente lo sviluppo di molti alunni e studenti. Non manca molto per verificarne pienamente gli  effetti.
Dà molto fastidio, infatti, che uno degli “inventori”  di questo disastro educativo, si stia spendendo per il divieto degli smartphone a scuola  per salvaguardare ” la dimensione «relazionale della scuola, come laboratorio d’incontro, confronto e condivisione fra i ragazzi, come persone fisiche che vivono nella vita reale, e non solo in quella virtuale..”
“Il quadretto” di una classe come luogo di interazione costruttiva rappresenta un obiettivo di ogni insegnante. Peccato , infatti, che lei lo abbia  fortemente compromesso con le classi pollaio, dove la dimensione relazionale è significativamente ridotta.
L’apice della contraddizione, però, l’On. M. S. Gelmini lo raggiunge, quando propone la migliore definizione delle classi pollaio, intese quest’ultime come contenitori freddi di persone. Dichiara infatti, l’esponente di FI, sempre parlando della presenza negativa dei telefonini in classe: ” In poche parole, la vita in classe, deve essere un’esperienza materiale, umana, non una mera compresenza fisica.”
Piangiamo? Ridiamo? E qui mi fermo!

 

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.