Classi pollaio, il presidio estivo dei genitori

Classi pollaio

Classi pollaio, estate 2019 un nuovo caso (non l’unico però) a Ravenna. Quali le soluzioni?

Classi pollaio, il mostro pedagogico contrastato dai genitori. Una vicenda estiva  che registra l’opposizione dei genitori per il bene e la sicurezza dei propri figli. Le possibili soluzioni.

Classi pollaio l’impegno dei genitori

Classi pollaio rappresenta il mostro pedagogico voluto da Gelmini e Tremonti (2008). Gli effetti sono colti solo da chi ogni giorno entra in aula. Per la politica e l’amministrazione il problema è rimosso, ricondotto a una cattiva gestione scuola/famiglia o non testardamente contrastato.
Fortunatamente la stagione estiva ci porta delle buone notizie. E’ il caso dei genitori di una scuola di Ravenna. 
Si legge  sul portale Ravennatoday:
Il bene e la sicurezza dei nostri figli prima di tutto”. E’ questo il sunto di quanto emerso dall’ennesimo incontro tra genitori, nel tentativo di convincere l’Ufficio Scolastico Regionale nell’attivare la quarta classe prima presso la scuola secondaria di primo grado “Zignani” a Castiglione di Ravenna… Come spesso succede, sono i soldi il problema – spiegano i genitori – Quattro le classi uscenti di terza media e quattro le classi di quinta elementare iscritte al primo anno, ma ne verranno attivate soltanto tre…
La situazione è molto delicata: “Nel totale dei neo iscritti – continuano i genitori – sono stati segnalati numerosissimi casi di ragazzi con certificazione DSA e BES e inoltre 2 alunni in situazione di disabilità grave, per i quali era stata richiesta l’attivazione della classe ridotta, non concessa.“

Quali margini per i genitori?

Questi i fatti. Ora quali sono le probabilità di successo per i genitori? Quali margini per dare concretezza all’art. 3 comma 2 della Costituzione ( “E’ compito della Repubblica rimuovere…)?
Innanzi tutto occorre comprendere che gli U.S.R. non possono andare contro una legge dello Stato (Legge 133/08 D.M.81/09) Essi hanno il compito di applicarla. Quindi la loro sordità amministrativa è imposta dall’ordinamento giuridico. 
La soluzione migliore è quella attuata in un Istituto milanese (2018)attraverso una variazione dell’organico di fatto.
In subordine occorre rifarsi al caso della scuola di Todi (2018)  che ha ottenuto la settima classe attraverso una soluzione mix di potenziato e ore aggiuntive. In altri termini fu attuata ” la “tecnica” di mettere in comune le risorse di organico tra Ufficio Scolastico e Scuola per attivare la nuova classe. L’unione di forze e di risorse tra Ufficio Scolastico e Scuola è fondamentale per garantire il servizio sul territorio. In sua mancanza non si otterrebbero gli stessi risultati. “
Resta come soluzione estrema il ricorso alla magistratura che in questi anni ha dimostrato una certa maturità pedagogica e costituzionale. 

 

 

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.