Posted in: Covid-19, Tutti gli articoli

Covid, L. Ricolfi e “La notte delle ninfee…”

Covid
Covid, L. Ricolfi presneta la sua radicale posizione. Sostenuta anche da Crisanti, Galli, Ricciardi.

Covid, Luca Ricolfi ha scritto un interessante volume, facendo riferimento alle Ninfee. E’ un punto di vista che però è in buona compagnia (Crisanti, Galli, Ricciardi…). La soluzione di Crisanti per le scuole.

Covid, Luca Ricolfi “La notte delle ninfee”

Covid, L. Ricolfi noto  sociologo e  politologo  ha pubblicato un interessante volume “La notte delle ninfee. Come si mal governa un’epidemia” (La Nave di Teseo)
Lavoro agile, ma non banale. Del resto l’Autore e anche una accademico. Quindi il pensiero è sempre riflessivo, mai resta in superficie.
Bene la sua tesi di fondo è che per espellere il virus occorra  il lockdown totale. A Marzo fu fatto in ritardo, e a ottobre invece si è preferito adottare quello morbido che sta generando diversi stop and go.
A sostegno di questa tesi presenta l’evolversi numerico delle ninfee ( che accosta al Covid) in un laghetto o in uno stagno. Ogni giorno queste si moltiplicano in modo esponenziale. Ora il giardiniere più ritarda la pulizia e maggiormente sarà il tempo per eliminarle radicalmente. Questo in sintesi.
Semplice l’accostamento con il diffondersi dell’epidemia. Se lo spazio non è chiuso (lockdown) perché i pescatori devono prendere i pesci (attività economiche, sociali…), le ninfee si moltiplicano, aumentando, come scrivevo sopra, i tempi di pulizia.
La tesi di L. Ricolfi è sostenuta da A. Crisanti, M. Galli e W. Ricciardi (consulente Ministro Speranza).
Lo scenario odierno presenta anche un ulteriore elemento: un lockdown morbido e ovviamente prolungato  facilita il risentimento e la rabbia di molti addetti ai servizi.

Le scuole superiori vivono uno “stop and go”, anche se diverso

Per riprendere la posizione di A. Viola e E. Bucci la scuola non è un organismo separato dal contesto sociale. Le scuole superiori (gli altri gradi scolastici sono rimasti generalmente aperti) stanno subendo questo stress da lockdown morbido  con l’aggravante di uno stato di confusione e caos.  Ovviamente la frequenza sociale di queste chiusure è molto più accellerata e non sempre chiara per i negozianti, gli addetti ai servizi…  Le scuole superiori, infatti, hanno vissuto uno stop da novembre. Sarebbe grave per questo grado scolastico, ora un nuovo fermo.
Le premesse purtroppo non incoraggiano all’ottimismo. Le posizioni contrapposte tra chi sostiene l’apertura delle scuole (Cts, Azzolina) e chi invece porta avanti la tesi contraria dettata da prudenza (Le Regioni) si basano sul fatto “che non abbiamo dati certi per capire come la scuola impatta sul contagio” (A. Criasanti, Cartabianca 12.01.21). E in questo clima d’incertezza lo stop and go è la logica conseguenza.  La soluzione per evitare situazioni d’incertezza la suggerisce sempre A. Crisanti: “Prendere una scuola e fare un tampone a tutti
Q