Cyberbullismo, le false certezze dei nativi digitali

Cyberbullismo

Cyberbullismo, la navigazione nel Web dei nostri ragazzi si basa spesso  su balle create appositamente da chi vuole guadagnare facile.

Cyberbullismo, i nostri ragazzi vivono dentro una bolla virtuale. Mi riferisco alla presunzione di essere totalmente invisibili e di avere poche persone interessate alla propria attività online. Balle! 

Cyberbullismo, le illusioni dei nostri ragazzi

Cyberbullismo, i nativi digitali percepiscono il Web come un ambiente a propria immagine e somiglianza. Questa dimensione è fortemente liquida e rimanda a relazioni non troppo impegnative, a profili costruiti ad hoc e spesso discordanti, a un narcisismo polimorfo e  pervasivo finalizzato a “colpire e sedurre”. Parte di questa bolla virtuale è anche il risultato di un’azione di terzi, che perseguono fini economici. La strategia è finalizzata a proporre un mondo progettato a misura del proprio bisogno di libertà dal controllo dell’adulto . L’offerta però è costituita da balle, finalizzate a nascondere una  realtà ben diversa. Queste richiamano  l’anonimato e la relativa solitudine nelle conversazioni.

Navigare in modo anonimo non significa essere invisibili

Nel caso del presunto anonimato nel Web, tutto ruota sull’equivoco e sulla scarsa conoscenza tecnico-informatica del nativo digitale. Molti ragazzi, infatti, confondono la navigazione anonima nel Web con l’invisibilità. Situazione favorita dallo slogan: “Sarà difficile essere scoperti!” Questa presunta identificazione facilita molte loro attività, quali l’ invio di video, foto, messaggi offensivi della dignità delle persone (Legge 71/17).
Chi ha conoscenze approfondite di informatica, sa bene che ogni  volta che navighiamo ci viene assegnato un Ip pubblico. A livello nazionale questo compito è affidato all’ISP (Internet Service Provider). In altri termini l’assegnazione è affidata a Wind, Alice, Fastweb… Senza questa targa, unica in quel momento  sarebbe impossibile navigare. E’ possibile nascondere l’Ip pubblico agli altri (VPN, Tor…), ma non al nostro provider che conosce tutto della nostra navigazione. In particolare registra le briciole di pane che rimandano ai contenuti che abbiamo letto, ai video  visionati, ai prodotti acquistati, alle email inviate… Queste informazioni rimangono memorizzate nel database e messe a disposizione delle autorità di polizia.

I predatori di informazioni e la fortuna del dark web

La bolla virtuale dei nativi digitali si arricchisce di un’altra illusione che rimanda alla convinzione che le conversazioni virtuali sono lette o ascoltate da uno o pochi interlocutori. Non è così. Il Web è una grande piazza virtuale dove esistono, purtroppo tanti predatori di informazioni che assumono spesso la funzione di intercettatori (eavesdropping). Le strategia corrispondente è quella di creare una rete wireless non protetta e gratuita. Quest’ultima caratteristica attira i ragazzi, i quali pensando di essere soli con l’interlocutore si scambiano messaggi, foto… Il materiale postato viene utilizzato per estorcere denaro o venduto nel dark web.
A tutto questo si rimedia con un’adeguata formazione tecnico-informatica. Altre alternative non esistono!

Questa voce è stata pubblicata in Cyberbullismo, Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.