Posted in: Cyberbullismo, Tutti gli articoli

Cyberbullismo, report incontri con gli studenti

Cyberbullismo
Dagli incontri tante conferme e un aggiornamento

Cyberbullismo, i nostri ragazzi sono definiti “nativi digitali” Questo profilo ha delle costanti e dei variabili. Gli incontri proposti sulla “Navigazione sicura nei Web” sono serviti ad aggiornare questo profilo.

Il tempo è stato tiranno

Ho concluso i miei interventi sulla “Navigazione sicura nel Web”. Avevo di fronte tutti gli studenti della secondaria di primo grado  del mio Istituto.
Il coinvolgimento è stato superiore alle mie aspettative. Il tempo a mia disposizione è risultato insufficiente, rispetto alle  richieste e dubbi espressi dagli studenti. Comunque le mie frequenti visite nel plesso, hanno in parte risolto queste esigenze inespresse.

Quale profilo del “Nativo digitale”? 

Detto questo, quali informazioni mi hanno restituito i ragazzi?
In breve, iniziamo dalle costanti:
1) password deboli. Ovviamente non ho chiesto loro di comunicarmi le loro credenziali.
Ma sono rimasti meravigliati della pericolosità delle suddette password, in relazione ai furti di identità. Molti ragazzi dopo gli incontri mi hanno informato sulla modifica della loro password.
2) Applicazioni. Molti di loro scaricano le applicazioni, senza controllare la loro affidabilità. declinata in raccolta di informazioni preventive.
3) Avatar. Spesso i loro avatar li raffigurano senza filtri ( gioco di ombre e luci) e in primo piano. Utilizzano poco foto- profilo di oggetti, animali o di elementi naturali, facente funzioni di rappresentazione del loro “io”
4) Qualcuno di loro ha profili pubblici o “poco privati”.
5) Hanno una scarsa consapevolezza degli effetti del processo di condivisione di foto, video…
6) La navigazione anonima è interpretata come completa irrintracciabilità nel Web. Su questa grande “balla” si basa la diffusione di applicazioni, social e servizi di IM tra di loro.

La migrazione silenziosa dei “nativi digitali”

Queste le costanti.
Analizziamo l’elemento nuovo. Molti genitori sono certi della  presenza dei loro figli su Facebook, Instagram… che stranamente registrano un graduale abbandono da parte dei nativi digitali. In molti casi il loro utilizzo è ridotto al minimo. E’ lo “specchietto per le allodole” per ingannare i genitori. La loro presenza, invece sta diventando significativa all’interno di quelle applicazioni, social, servizi IM maggiormente caratterizzati dalla promessa della navigazione anonima e dalla presenza di chat segrete con crittografia “end to end”. Questa rende illeggibile a terzi, la comunicazione tra due dispositivi, perché  le chiavi di cifratura sono inserite all’interno di entrambi di essi. E questo rende vano il tentativo di “traduzione” di un terzo  a meno che non si possiedano le chiave giuste. Uno dei limiti, però,  di questo sistema risiede nella possibile “falla” nella comunicazione. In altri termini, se uno dei due dispositivi è stato violato  l’intruso   potrà leggere i dati prima che vengano cifrati.
Questa migrazione, comunque  è più marcata tra gli studenti dell’ultimo anno della secondaria di primo grado (80%).
Proposta Corso ” Navigare sicuri e in Privacy nel Web